Piccoli negozi di paese, in Alto Adige aiuti per migliaia di euro: «Servizio d'interesse pubblico»

Giovedì 2 Gennaio 2020
Piccoli negozi di paese, in Alto Adige incentivi per tenerli aperti

BOLZANO - Assicurare in tutte le zone dell'Alto Adige, anche quelle più periferiche, la sopravvivenza dei piccoli negozi di paese che consentono non solo al commercio di vicinato di proseguire con l'attività, ma anche alla popolazione di avere accesso ai prodotti necessari alla vita di tutti i giorni senza doversi spostare verso le zone urbane. Questo l'obiettivo delle misure straordinarie varate già nel 2014 che la giunta provinciale di Bolzano ha ora prorogato anche per il biennio 2020-2021.

La morte dei negozi di montagna, la lotta all'evasione fiscale lascia Podenzoi senza l'alimentari

«I piccoli negozi - sottolinea l'assessore al Commercio della Provincia di Bolzano, Philipp Achammer - sono parte integrante della vita dei nostri paesi e il loro servizio è fondamentale non solo per i residenti, ma anche per i turisti. Un'ulteriore conferma l'abbiamo avuta durante i black-out dello scorso novembre». Grazie alla delibera approvata dall'esecutivo nel corso dell'ultima seduta dell'anno, la ripartizione economia può assegnare contributi sino a 15.000 euro per l'apertura di nuovi negozi in località prive di queste strutture di vendita. Per esercizi di vicinato si intendono i negozi che operano in località rurali con almeno 150 abitanti e che esercitano il commercio al dettaglio di generi alimentari e di prima necessità.

Dal casolin al fornaro, 24 botteghe storiche sfidano le grandi catene

In aggiunta a ciò, e per offrire sostegno alla sopravvivenza dei piccoli negozi di paese già presenti, la Provincia garantisce incentivi ulteriori che vanno dai 9.000 agli 11.000 euro a seconda dei servizi offerti: dalla vendita di giornali al servizio postale, dalla consegna a domicilio alla vendita di prodotti locali. Nel corso del 2019 sono stati elargiti contributi per un totale di 889.500 euro a 86 esercizi commerciali.

La lenta agonia dei luganegheri in centro ne sono rimasti dieci

Le richieste di sovvenzione per l'anno 2020 devono essere presentate online all'Ufficio commercio e servizi della Provincia entro il 30 aprile (mantenimento) oppure entro il 31 agosto (nuova apertura), i dettagli sono a disposizione sul portale web della Provincia nella sezione dedicata agli interventi straordinari a favore dei servizi di vicinato.

Ultimo aggiornamento: 3 Gennaio, 14:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA