La morte dei negozi di montagna, la lotta all'evasione fiscale lascia Podenzoi senza l'alimentari

Giovedì 2 Gennaio 2020
La morte dei negozi di montagna, la lotta all'evasione fiscale lascia Podenzoi senza l'alimentari
3
LONGARONE (BELLUNO) - Un altro negozio di montagna chiude i battenti, mentre la politica continua a battersi il petto contro lo spopolamento che affligge le terre alte. Stavolta la colpa è dell’ennesimo cappio anti-evasione che costringe tutti i commercianti a dotarsi di un nuovo registratore di cassa, con relativa connessione internet, che comunichi giornalmente con l’Agenzia delle entrate. Il gioco non vale più la candela per un’attività che rappresentava soprattutto un servizio sociale. Vincenzo e Laura Sacchet hanno appeso un cartello alla porta d’ingresso del locale, salutando tutti i clienti che, da oggi, dovranno scendere almeno fino a Longarone per comprare un panino.

Podenzoi resta così senza più alcun riferimento commerciale, ma soprattutto sociale, perché un negozio è anche un punto di incontro per i cittadini, uno spazio dove comunicare. Quattro anni fa era toccato al bar da Pia, oggi la stessa sorte tocca agli alimentari dei Sacchet, nati come forno per mano di Gaspare Sacchet. Un’attività di famiglia che ha visto impegnate due generazioni. Il sindaco Roberto Padrin si dice «profondamente dispiaciuto. Il mio auspicio - prosegue - è che qualcun altro possa prendere il mano questa attività. Come amministrazione comunale abbiamo messo a bilancio 60mila euro a sostegno delle attività commerciali. Si tratta di contributi che avranno anche un effetto retroattivo dal 2017. Il bando sarà operativo a partire dal 31 marzo».

La notizia della chiusura del negozio di Podenzoi finisce anche sui social.
«Dal lontano 1949, oltre ad essere stato un punto di riferimento per l’intera comunità, era soprattutto un servizio sociale tant’è che consegnava anche a domicilio a vecchi ed ammalati - scrive su Fb, Giuseppe Formaglio -. Molti sacrifici sono stati fatti nel tempo per tenerlo aperto, ma questa volta è arrivata la mazzata finale, dal 1° gennaio decorrerà l’obbligo di invio dei corrispettivi telematici, quindi ci sarà la necessità di dotarsi di idonee e costose apparecchiature elettroniche e di una linea internet adatta (che non c’è). Quante altre realtà come questa saranno costrette a chiudere nei piccoli paesi di montagna e non solo? Quando saranno passate le sbornie delle feste, ci accorgeremo di essere diventati tutti più poveri e quando qualcuno prenderà atto delle decine e decine di partite IVA chiuse, ci dirà che “bisognava fare qualcosa perché la montagna si sta spopolando”, ma, come al solito, troppo tardi». Ultimo aggiornamento: 15:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA