Coronavirus in Veneto. Il contagio si allarga: sono 16 le persone infette
Le notizie in diretta MAPPA Foto Video

Sabato 22 Febbraio 2020
Coronavirus in Veneto. Il contagio si allarga: numerosi test positivi nell'ospedale di Schiavonia
11

Coronavirus in Veneto, i casi di contagio in diretta. L'aggiornamento della serata di sabato 22 febbraio, vede aumentare il numero dei contagiati. Sono attualmente 16 le persone risultate positive al Coronavirus in Veneto: di questi 12 a Vo' Euganeo nel Padovano, dei quali uno deceduto, e 4 a Mirano nel Veneziano, dei quali tre operatori sanitari. Nel Veneziano il primo contagiato è un paziente di Mira (LEGGI), ma ora sono risultati positivi al Cornavirus anche tre tra medici e infermieri che lo hanno seguito. Il contagio quindi si allarga a Nordest, test immediati su tutte le persone che sono venute in contatto con gli ammalati, ora isolati nel reparto Malattie Infettive di Padova. Intanto la Regione Veneto ha diffuso un VIDEO con le linee guida da seguire: casi di contagio sospetti, incubazione, i sintomi, cosa fare e chi chiamare.

Il numero da chiamare se si pensa di essere stati contagiati è il 1500.

IL BILANCIO
Sono 16 i casi di Coronavirus registrati finora in Veneto; uno di essi era il 78enne deceduto ieri a Schiavonia. Lo si apprende dalla Regione. Degli altri 16 contagiati, quattro sono fuori dal di fuori del comune di Vo' Euganeo. Il focolaio veneziano parte dall 67enne di Mira (Venezia) portato la notte venerdì e sabato dall'ospedale di Dolo a Padova, in rianimazione. I restanti 14 fanno riferimento tutti a residenti del comune di Vo' e di Mirano. Sono quindi due i principali centri dell'emergenza Coronavirus che, con due morti e finora 59 contagiati, tiene il Nord Italia in apprensione. La maggior parte dei casi di contagio sono in Lombardia, tutti concentrati nel basso lodigiano, dove è morta anche una donna, a Casalpusterlengo. In Veneto, invece, 12 casi sono concentrati nel comune di Vo' Euganeo (Padova), piccolo Comune sul versante ovest dei Colli Euganei, e un caso, a Mira (Venezia) e 3 a Mirano (Venezia). Una mappa per ora circoscritta che presenta anche un caso in Piemonte, a Torino, ma anch'esso proveniente dal focolaio lombardo. 

+++ I NUOVI CASI IN VENETO +++
Sabato 22 febbraio sono stati registrati sette nuovi casi di contagio da Coronavirus nel Padovano, sempre a Vo' Euganeo: si tratta di persone venute in contatto con i pazienti del posto. Tra i nuovi sette contagiati due sono parenti della prima vittima italiana del Covid10, ossia la moglie e la figlia di Adriano Trevisan (IL DUBBIO Coronavirus, anziano morto a Padova: mistero su dove si siano infettati Adriano e l'amico LEGGI).

UNIVERSITA' CHIUSE IN TUTTO IL VENETO - LEGGI
Lo ha annunciato il presidente del Veneto, Luca Zaia, precisando di essersi consultato con i rettori dei vari atenei della regione: «abbiamo deciso di tenerle chiuse dalla prossima settimana» ha detto. 

Covid-19, le notizie dalle città
Nelle sale da gioco di Mestre e Venezia al casinò per il ritorno dei cinesi nuove dotazioni nei bagni
A Vo' Euganeo otto cittadini cinesi in ospedale per controlli: si cerca il Punto Zero del contagio (LEGGI)
A Vicenza, in via precauzionale, il sindaco ha deciso di annullare la sfilata dei carri di Carnevale e sono state annullate le cerimonie per le cresime (LEGGI).
A Treviso accessi separati per i pazienti in ospedale (LEGGI)
A Verona nelle scuole comunali è stato attivato già da tempo il monitoraggio degli studenti (LEGGI)

CLICCA E NAVIGA SULLA MAPPA DEL CONTAGIO

Cosa sta succedendo nell'ospedale di Schiavonia (Padova) (LEGGI TUTTO)
Sarebbero risultati negativi i primi 200 test per il Coronavirus effettuati all'ospedale di Schiaìvonia (Padova), la struttura delle provincia di Padova dove sono stati registrati i primi due casi di Coronavirus in Veneto e dove è deceduto il primo paziente.  «Tutti i test effettuati sugli operatori sanitari dell'ospedale di Schiavonia - ha reso noto  Francesca Russo, dirigente del Dipartimento di prevenzione della sanità pubblica
della Regione Veneto - sono risultati negativi». Il nosocomio è circondato da un "cordone sanitario", con Carabinieri, operatori della Croce rossa e della Protezione civile. All'esterno dell'ospedale è arrivato per qualche minuto il primario di cardiologia, Giampaolo Pasquetto, che ha riferito degli esiti dei tamponi «per quanto ho potuto finora sapere dai colleghi» ha detto. La struttura, modernissima, è situata tra i comuni da Este e Monselice ed è stata recentemente inaugurata per servire l'area del Colli Euganei. 

LA TESTIMONIANZA DELL'INFERMIERE (CLICCA E GUARDA)

LA DIRETTA FACEBOOK DA SCHIAVONIA

Dentro l'ospedale blindato di Schiavonia, nel Padovano - LA TESTIMONIANZA

 

Coronavirus, come comportarsi - linee guida Regione Veneto

«Tra poco verranno impartite le linee guida da parte delle Regione Veneto ai comuni nei quali sono emersi casi di Coronavirus». Ha poi annunciato Zaia il quale ha ribadito che «si stanno compilando le verifiche di tutti i contatti ravvicinati avuti dalle persone risultate positive al Coronavirus. Usciremo a breve - ha ribadito - con le linee guida per tutti i comuni coinvolti. Stiamo continuando il lavoro con la task-force e ho sentito più volte il ministro della Salute Roberto Speranza e il capo della Protezione civile Angelo Borrelli con i quali sono stato in videoconferenza stamane per circa un'ora». Zaia ha poi aggiunto: «niente panico perché, ripeto, siamo davanti ad un virus influenzale con bassa letalità che purtroppo colpisce maggiormente gli anziani e persone con patologie pregresse e che hanno qualche complicanza».

LA RISPOSTA DELLA POLITICA
Coronavirus in Veneto, come si sta muovendo la politica per gestire l'emergenza contagio nella regione. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha chiamato il presidente della Regione Luca Zaia per informarsi della situazione. Lunedì prossimo, 24 febbraio, è stata convocata nella sede della Giunta regionale del Veneto,
d'intesa con il presidente Luca Zaia, la Conferenza dei Capigruppo del Consiglio con l'assessore alla sanità, Manuela Lanzarin, per dare una informativa sulla situazione Coronavirus in Veneto. Lo ha annunciato con una sua nota il presidente del Consiglio regionale, Roberto Ciambetti. Intanto l'assessore regionale Manuela Lanzarin ha informato che sono stati chiesti rinforzi per il reparto di infettivologia di Padova... (LEGGI TUTTO)

Medici di famiglia a rischio: "selezione" telefonica in caso di sospetti

Coronavirus, la situazione in Friuli Venezia Giulia
Coronavirus, casi in Friuli Venezia Giulia: le ultime notizie sul Gazzettino.it. Tre medici friulani si trovano in isolamento in casa in provicia di Udine perché venuti in contatto con l'ospedale di Schiavonia, nel Padovano, dove sono stati ricoverati i due pazienti contagiati dal Covid19... (LEGGI TUTTO)

 

Coronavirus, come proteggersi: dispenser anti contagio con disinfettanti in treni, stazioni, aeroporti e luoghi affollati

Coronavirus, come proteggersi dal contagio? Il Ministero della Salute ha elaborato un piano speciale per difendere i cittadini: dispenser con disinfettanti per le mani alle fermate della metro, nelle stazioni dei treni, negli aeroporti e negli spazi pubblici più affollati per garantire il massimo livello d'igiene e contrastare anche la possibile diffusione del virus.


 

Ultimo aggiornamento: 23 Febbraio, 09:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA