Coronavirus in Veneto, Mattarella chiama Zaia. A Padova chiesti rinforzi per il reparto di infettivologia

Sabato 22 Febbraio 2020
Coronavirus in Veneto, Mattarella chiama Zaia. A Padova chiesti rinforzi per il reparto di ​infettivologia
Coronavirus in Veneto, come si sta muovendo la politica per gestire l'emergenza contagio nella regione. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha chiamato il presidente della Regione Luca Zaia per informarsi della situazione.

Coronavirus in Veneto. Le ultime notizie e la MAPPA del contagio

«Mi ha chiamato anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per chiedere informazioni sulla situazione nel Veneto e ho parlato a lungo con lui spiegando le criticità. In queste ore ho sentito anche il ministro della Salute Roberto Speranza, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte; praticamente mezzo governo». Cosi il presidente del Veneto, Luca Zaia, in un attimo di pausa del summit alla sede della protezione Civile del Veneto, dopo i casi di coronavirus nella regione. «Abbiamo chiesto che - ha osservato - l'approccio debba essere uniforme su tutto il territorio nazionale per garantire la salute ai cittadini e che vengano adottate delle linee guida uniformi». 

Coronavirus. Paura del contagio, folle corsa all'acquisto di mascherine in Veneto: assalto alle farmacie


L'assessore regionale: chiesti rinforzi per il reparto di infettivologia di Padova
«È chiaro che in questo momento il reparto di infettivologia dell'ospedale di Padova è sotto pressione e per questo stiamo cercando personale dalle altre Usl da inviare a Padova». Lo ha detto l'assessore regionale Manuela Lanzarin, la quale ha spiegato che «si stanno facendo tutti i test dei pazienti e del personale medico e non dell'ospedale di Schiavonia. Il test sul personale, al momento, è risultato negativo al coronavirus».

 


  Ultimo aggiornamento: 17:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA