Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Banda svuota 50 case, recuperata la refurtiva: la questura cerca i proprietari. Tutti gli oggetti visibili on-line

Giovedì 24 Febbraio 2022 di Federica Fant
Alcuni orologi recuperati dalla polizia di Treviso
3

BELLUNO - La Polizia cerca i proprietari della refurtiva rubata dai due ladri che hanno messo a segno numerosi colpi nei mesi scorsi. La Questura invita a visionare on-line il materiale sequestrato nel corso dell'operazione di polizia giudiziaria del 7 febbraio scorso quando vennero arrestate due persone: Pula Edison e Imer Masha, entrambi albanesi di 30 e 28 anni. Il primo, latitante con un mandato di cattura internazionale dall'Albania per tentato omicidio, rapina, stupefacenti e porto di materiale esplodente, aveva a carico anche un ordine di carcerazione per una cinquantina di furti commessi in Trentino. Mentre il socio era già stato espulso dall'Italia con accompagnamento coattivo alla frontiera, come misura alternativa alla detenzione, e quindi destinatario di provvedimento di ripristino di carcerazione per una pena residua di 1 anno, 9 mesi e 14 giorni di reclusione.

 

IL BOTTINO

La coppia di balcanici avrebbero commesso, dal settembre scorso, almeno una cinquantina tra furti in casa e rapine tra le province di Belluno e Treviso. Il bottino è ingente e in gran parte recuperato dagli agenti della squadra Mobile. La Questura, come detto, invita la cittadinanza dell'intera Provincia a prendere visione del materiale sequestrato, al sito della Polizia di Stato: https://questure.poliziadistato.it/bacheca selezionando la voce recuperati e inserendo la provincia di Belluno nell'apposito menù a tendina. Si trovano mazzi di chiavi (anche di serrature blindate), una penna stilografica Cartier, occhiali Dolce e Gabbana, dei Ryban, dei Prada, orecchini e bracciali in oro di varia forma e dimensioni, sono stati rinvenuti perfino due diamanti (con la descrizione dei carati ben specificata), ma anche frammenti d'oro semplici, un aspirapolvere Dyson completo di carica batterie con ancora inseriti i tasselli di ancoraggio al muro. Ci sono poi numerosi orologi delle marche più diverse, dalla Rolex alla Montblanc, un coltello da caccia, cuffiette wireless, anelli, pendagli, girocolli, accendini di lusso, servizi d'argenteria. Anche una borsa di Beauty center Limana, del valore minimo, ma se venisse riconosciuta da qualcuno potrebbe aiutare nelle indagini. Al momento solo un paio di persone si sono fatte avanti: da qui l'accorato appello della Questura che ha creato l'album, un catalogo con le foto e la descrizione, di quanto sequestrato.

LE INDAGINI

Non era quasi mai un furto singolo. La banda prendeva di mira diverse case dello stesso quartiere (avrebbero colpito anche a Castion) con incursioni lampo e poi fuggiva. La terza sezione Antirapina della Squadra Mobile di Belluno aveva iniziato l'attività fin da subito tramite sopralluoghi, servizi di osservazione e il censimento di migliaia di veicoli. Fondamentale anche la telecamera di video-sorveglianza di un'abitazione che si trova accanto a una di quelle prese di mira e che aveva inquadrato i ladri durante il colpo. Arrivavano da un casolare in mezzo ai campi, nel comune di Carbonera (Treviso). L'indagine è ancora in corso, ma i due sono in cella. Nel frattempo arriva anche il plauso dell'onorevole Dario Bond (Forza Italia): «Congratulazioni agli agenti della Polizia di Stato di Belluno che hanno fermato i topi d'appartamento che negli ultimi mesi avevano creato scompiglio e disagi in provincia afferma Bond -. Gli episodi di furti nelle abitazioni creano grandi disagi e turbative emozionali, perché instillano nella popolazione un senso di impotenza e di insicurezza. Per fortuna nel Bellunese lavorano agenti che anche in questo caso hanno dimostrato grande professionalità e capacità di controllo del territorio. In questo caso, oltre all'arresto, hanno anche recuperato la refurtiva, che ora è a disposizione delle vittime dei furti. Grazie agli agenti e alla Polizia di Stato».
 

Ultimo aggiornamento: 25 Febbraio, 11:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci