Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La Sala dei Battuti torna al suo splendore: "Restauro da 100mila euro"

Mercoledì 22 Giugno 2022 di Chiara Dall'Armellina
L'inaugurazione della Sala dei Battuti dopo il restauro organizzato dal Rotary di Conegliano

CONEGLIANO Riaperta la Sala dei Battuti, gioiello architettonico e pittorico della città di Conegliano, dopo un importante intervento di restauro che ha restituito l’originaria bellezza al soffitto in legno a cassettoni della fine del ’400. Ieri sera, all’interno del Duomo gremito di spettatori e autorità, è avvenuta la cerimonia ufficiale d’inaugurazione organizzata dal Rotary Club Conegliano, che ha promosso e sostenuto l’intervento. «È un’occasione importante non solo per il Rotary Club di Conegliano, ma per l’intera comunità coneglianese – ha detto il presidente del Rotary cittadino Francesco Chiesura – “Servire al di sopra di ogni interesse personale” è il motto del Rotary International: un principio di umanità al quale secoli fa, se pur in forma diversa, si ispiravano i Battuti». 


L’EVENTO

Salvaguardia, valorizzazione e inclusività sono le parole simbolo usate dal presidente per descrivere questo intervento, costato oltre 100mila di euro, finanziati anche da un contributo della Regione Veneto e del Distretto Rotary 2060. La spesa principale è stata destinata alla ristrutturazione del prezioso soffitto ligneo della Sala, di circa 200 mq, fortemente degradato, che ha restituito minuziosi decori policromi da tempo invisibili. È l’architetto Livio Petriccione del Rotary a fare il bilancio dei lavori, eseguiti nel giro di 8 mesi da ottobre scorso fino a fine maggio 2022. «Il lavoro dei restauratori è stato paziente e delicato - spiega Petriccione – La pulitura, fatta in accordo con la Soprintendenza, ha fatto riemergere i decori originali e le integrazioni avvenute nei secoli nonché consistenti tracce di fuliggine». 


LA TECNOLOGIA

Altri lavori hanno riguardato l’installazione di dispositivi di nuova generazione per il controllo della temperatura e dell’umidità dell’ambiente che ospita uno dei cicli pittorici più importanti di Conegliano, ma anche l’inserimento di un impianto antincendio a minimo impatto visivo, come si usa nei beni di pregio, la sistemazione degli scranni lignei e la rimozione delle scritte vandaliche nel portico d’ingresso al Duomo. Si è provveduto alla disposizione di una nuova cartellonistica turistica e di una mappa dal disegno tattile per favorire l’inclusività, all’interno del Duomo, in corrispondenza dell’ingresso per i disabili. Piero Bernardi, presidente della commissione progetti del Rotary Club Conegliano ha invece annunciato un secondo step di interventi per restaurare gli affreschi e terminare tutti i lavori necessari per rimettere a nuovo l’intero complesso della Sala dei Battuti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci