Vendeva cocaina nel bar, cinquantenne arrestato dai carabinieri

Lunedì 22 Novembre 2021 di Vittorino Compagno
Controlli dei carabinieri

CAMPAGNA LUPIA - Come base per lo spaccio di droga aveva scelto un bar ubicato nel centro urbano di Campagna Lupia. Il continuo e persino eccessivo via vai di giovani nel locale aveva però insospettito da tempo le forze dell’ordine, che sabato sera sono andati a colpo sicuro. A tirare le redini del commercio di stupefacenti era Roberto Fusato, un cinquantenne molto conosciuto in paese. Una volta perquisito sul posto, gli sono state trovate in tasca alcune dosi di cocaina pronte per essere vendute ai numerosi clienti della movida notturna del sabato. Nella sua abitazione c’era però molto di più, ossia la prova schiacciante della sua illecita attività: altra droga, il classico bilancino pesa-dosi e diverso denaro in contante, molto probabilmente frutto delle smercio. Mentre droga, bilancino e soldi sono stati posti sotto sequestro, l’uomo è finito in cella e questa mattina il giudice deciderà sulla sua sorte.


L’OPERAZIONE
I dettagli dell’operazione non sono ancora stati resi pubblici dalle forze dell’ordine, ma tutto si è svolto di fronte a diversi testimoni, presenti dentro e fuori il bar. A quanto sembra l’uomo aveva preso il posto di un altro noto spacciatore della zona, deceduto lo scorso anno. I carabinieri lo tenevano da tempo sotto osservazione, certi che fosse diventato il nuovo punto di riferimento per lo spaccio di stupefacenti per un vasto territorio compreso tra la veneziana Riviera del Brenta e la padovana Saccisica. Ad insospettire particolarmente i militari era proprio la presenza di molti giovani che, specialmente al sabato sera, frequentavano un locale pubblico di Campagna Lupia. Quando uno di loro si è trovato faccia a faccia con la pattuglia, non è riuscito a nascondere un evidente impaccio. Una volta perquisito, in tasca gli è stata trovata una piccola dose di cocaina che il giovane ha dichiarato di avere appena acquistato dentro il locale. I militari, impegnati proprio in un apposito servizio notturno per contrastare lo smercio di droga, hanno quindi proseguito gli accertamenti e all’interno del locale hanno individuato Roberto Fusato, proprio la persona sospettata di vendere grosse quantità di stupefacenti nella zona. Inizialmente l’uomo ha negato tutto, ma in tasca e durante una successiva perquisizione eseguita presso la sua abitazione, i militari hanno trovato tutte le prove del suo commercio illegale. 

Ultimo aggiornamento: 07:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA