Meteo, freddo e neve in Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige Le previsioni

Mercoledì 2 Dicembre 2020
Meteo, freddo e neve in Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige Le previsioni
2

Una forte ondata di maltempo e freddo intenso è arrivata in Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige. Questa mattina - 2 dicembre - in alcune zone del Nordest i residenti si sono svegliati con i fiocchi di neve che scendevano fin in pianura. Le previsioni meteo avevano annunciato infatti un peggioramento delle condizioni e l'abbassamento delle temperature a causa di un'area di bassa pressione in arrivo dal nord-Europa verso il Mediterraneo centrale.

Neve in Veneto

Nevica in Veneto stamani su tutta la pianura, ad eccezione di Venezia, dove piove. La precipitazione è un po' più intensa nelle province di Verona e Vicenza. Anche a Padova, soprattutto sui colli Euganei, la neve è scesa copiosa. La nevicata è iniziata nelle ore centrali della notte e all'alba molte città mostravano già un leggero strato bianco. Verso il mattino i fiocchi si sono tramutati in nevischio, e sulle strade la neve si sta sciogliendo. Nessun problema per il traffico. Autostrade e arterie principali, segnala la Polstrada, sono tutte transitabili, grazie all'entrata in funzione di mezzi spazzaneve e spargisale.

 

Maltempo in Veneto. Acqua alta e neve, si alza il Mose

Meteo previsioni

Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso ieri un avviso di condizioni meteorologiche avverse che prevede dal tardo pomeriggio di martedì 1 dicembre nevicate su Piemonte, Liguria ed Emilia-Romagna, inizialmente al di sopra dei 400-600 metri, in estensione, nel corso della notte a Lombardia e Veneto.

LE PREVISIONI 

Quota neve in abbassamento, fino a 200-300 metri, sulle zone meridionali di Piemonte e Lombardia ed entroterra ligure, fino a quote di pianura sull'Emilia-Romagna occidentale, con apporti al suolo da deboli a moderati in pianura, fino ad abbondanti a quote collinare. Previsti, inoltre, venti forti con raffiche di burrasca dai quadranti orientali su Emilia-Romagna e da quelli settentrionali sulla Liguria, con possibili mareggiate lungo le coste esposte. Dalle prime ore di domani sono attese precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sul Lazio, in estensione a Campania e settori occidentali di Abruzzo e Molise, tali fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, mercoledì 2 dicembre, allerta arancione su gran parte di Lazio, Abruzzo, Molise e Campania. Valutata allerta gialla sui restanti settori delle quattro regioni, sull'Umbria, su parte di Basilicata e Sicilia.

 

Ultimo aggiornamento: 21:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA