Strage di autovelox: vandali scatenati
sei colonnine distrutte nella notte

Domenica 11 Maggio 2014
Uno degli autovelox distrutti
19
MOGLIANO (TREVISO) - Non c'è pace per i box autovelox piazzati nelle zone a rischio sicurezza stradale di Mogliano.



L'altra notte c'è stato un nuovo raid vandalico ai danni di una mezza dozzina di colonnine color arancio sparse sul territorio che sono state abbattute. Il 18 aprile c'era stato il grave episodio del box autovelox di via Cavalleggeri, a ridosso del ponte sul fiume Zero, che venne dato alle fiamme.



Ultimamente i vandali hanno alzato il tiro delle loro incursioni notturne contro le colonnine, sistemate lungo le vie Vanzo, Roma, Ronzinella, Cavalleggeri, Terraglio, Preganziol e Barbiero. Nella mattinata di ieri la polizia locale è intervenuta tempestivamente per riposizionare le colonnine divelte dai sabotatori rimasti finora ignoti. Il ripetersi degli atti vandalici ha indotto il comando della polizia locale ad inviare un fascicolo in procura.



L'assessore alla sicurezza, Federico Severoni, ha rinnovato l'invito ai cittadini di segnalare al Comando della polizia locale di via Ronzinella e alle forze dell'ordine ogni movimento sospetto di persone nei pressi delle colonnine arancione o di altri beni di proprietà comunali soggetti agli attacchi vandalici, come le panchine e i giochi per bambini nei parchi cittadini. Il Comune ha investito circa 20mila euro per mettere i box autovelox nelle zone ad alto rischio traffico. Il comandante della polizia locale, Stefano Forte, ha anche di recente confermato gli ottimi risultati che stanno dando le colonnine arancione come deterrente contro le alte velocità.



La conferma viene dal fatto che negli ultimi sei mesi nei tratti di strada in cui sono stati messi i box autovelox non si è verificato nessun incidente stradale ed è stata staccata una sola multa per sforamento dei limiti di velocità. Ultimo aggiornamento: 16:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA