Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il Giro e la Marca, affari a sei zeri: il tesoro vale cinque milioni. «Turismo boom, ognuno spende 70 euro»

Sabato 28 Maggio 2022 di Paolo Calia
Il Giro e la Marca, affari a sei zeri: il tesoro vale cinque milioni. «Turismo boom, ognuno spende 70 euro»

TREVISO -  Il successo del Giro d'Italia, al netto di qualche polemica per i disagi o per la chiusura delle scuole come emerso anche ieri pomeriggio in consiglio comunale, lo si misura anche con i numeri e col metro dell'economia. È stato stimato che se solo un terzo degli oltre centomila presenti distribuiti lungo tutto il tracciato trevigiano della tappa ritornasse in sella alla sua bicicletta, come cicloturista, potrebbe spendere 70 euro al giorno per un giro d'affari non inferiore ai 5 milioni di euro. Una stima empirica, ma su cui amministrazioni pubbliche e associazioni di categoria sono tutte concordi. Il Giro, oltre che evento sportivo d'eccellenza, è un formidabile volano per l'economia, una vetrina irrinunciabile per chi punta a un target di turismo in prepotente crescita come, appunto, quello dei cicloturisti.


L'ANALISI
«Crediamo molto nella potenzialità di questa forma di turismo - spiega il sindaco Mario Conte - la nostra città sembra fatta apposta per accoglierlo. Il passaggio del Giro è stata poi una vetrina di eccezionale importanza, fondamentale. Magari passasse ogni anno». Il Giro 2023 di sicuro tornerà in Veneto e con ogni probabilità passerà ancora nella Marca, forse non proprio a Treviso. Ma il sindaco sottolinea anche un altro aspetto: «Gli eventi non mancheranno ugualmente - osserva - a cominciare dalla Gran Fondo Pinarello a luglio, altro fenomenale strumento di promozione cicloturistica. Ma la svolta è già arrivata anche con la campagna promozionale lanciata da Ryanair: mai come quest'anno vediamo turisti dal lunedì in poi». Tornando all'effetto Giro, si sfregano le mani anche gli albergatori. La sola carovana Rosa è composta da circa tremila persone che per un paio di notti hanno riempito ristoranti e alberghi: «Nei giorni del Giro - osserva Giovanni Cher, presidente degli Albergatori trevigiani - tantissime strutture hanno registrato circa l'80% dei posti letto occupati quando in genere, nel fine settimana, si arriva al 70%. E il movimento lo stiamo vedendo ancora».


BAR E NEGOZI
A lavorare molto sono stati bar e ristoranti. Quelli che hanno tenuto aperto perché, ancora una volta, c'è stato qualcuno che ha preferito non approfittare del grande evento: «Tenere aperto o chiuso è una scelta personale - osserva Dania Sartorato, presidente Unascom - ma la vetrina del Giro è stata un'occasione stupenda per mostrare il nostro territorio. Chi è venuto qui magari ci torna, chi ha guardato la televisione magari sceglie di venirci per la prima volta. Non ho ancora dati precisi ma i bar e i locali che hanno lavorato, hanno fatto fatturati in media, o superiori, ai giorni migliori». Federico Capraro, presidente del mandamento trevigiano, sintetizza: «Il Giro in città è stato un successo. Capisco la boutique che sceglie di tenere chiuso perché, in effetti, il target di chi segue la corsa magari non è il suo. Capisco invece molto meno il bar che sceglie di non lavorare».

 

Ultimo aggiornamento: 29 Maggio, 11:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci