Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bolzano, arriva la mega-bolletta al panificio: quasi un milione di euro. «Non ce la facciamo più»

Martedì 20 Settembre 2022
Bolzano, arriva la bolletta choc del panificio: quasi un milione di euro. «Non ce la facciamo più»
2

BOLZANO - L'Unione commercio di Bolzano lancia l'allarme caro energia: +23.000 euro all'anno per un piccolo negozio di vicinato di Nova Ponente, +80.000 per una macelleria di Vipiteno, +168.000 per uno storico ristorante-birreria a Bolzano e addirittura +973.000 per un grande panificio del capoluogo altoatesino.

«Le aziende non sono più in grado di sopportare il peso dell'aumento dei costi dell'energia», è stato detto durante un conferenza stampa davanti al palazzo della Provincia di Bolzano, in presenza del presidente dell'Unione Philipp Moser e del vicepresidente Sandro Pellegrini. L'Unione richiede interventi di sostegno immediati e urgenti da parte della politica, con l'obiettivo di salvare l'esistenza di moltissime imprese e posti di lavoro. «Già diverse aziende - per esempio nel settore della gastronomia - stanno seriamente pensando alla sospensione dell'attività», è stato ribadito in occasione di una conferenza stampa, l'Unione ha presentato la gravita della situazione sulla base di numeri e dati concreti nonché delle bollette energetiche di aziende locali.

«A fronte di simili costi d'esercizio, lavorare ed essere redditizie è diventato impossibile anche per molte aziende altoatesine di questi settori. A essere colpiti con particolare forza sono tutto il commercio al dettaglio e il commercio all'ingrosso in ambito alimentare, i produttori di alimentari (panificatori, pasticceri, gelatieri, macellai) e la gastronomia», hanno detto Moser e Pellegrini.

Ultimo aggiornamento: 17:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci