Mercoledì 13 Novembre 2019, 13:18

Piste pronte: «Sarà una stagione coi fiocchi. Il miglior inizio da anni»

PER APPROFONDIRE: dolomiti, piste, sci, stagione
Piste pronte: «Sarà una stagione coi fiocchi. Il miglior inizio da anni»

di Raffaella Gabrieli

BELLUNO Incrociando le dita per una giusta dose di scaramanzia, una stagione invernale così buona e prematura non la si vedeva da anni. Felici gli albergatori che si pregustano una buona affluenza di ospiti ma anche gli impiantisti che assistono alle copiose precipitazioni pensando a quanto potranno risparmiare in termini di neve programmata e quindi in consumo di acqua e di energia elettrica nonché in manodopera perché per dosare in maniera corretta gli ingredienti della ricetta e per poi distribuire la dama bianca...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Piste pronte: «Sarà una stagione coi fiocchi. Il miglior inizio da anni»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2019-11-14 11:23:52
chissà che aumentino ancora i costi degli skipass. Piste vuote e soprattutto meno poveri in pista. ahahahahaah
2019-11-14 07:55:55
Una soluzione all' aumento dei prezzi ed ai brontolamenti e'l'abbonamento a punti. Si compra un abbonamento non individuale e non legato a giornata o periodo che ha un massimo di punti a seconda del costo. Ogni pista ha il suo decremento ad ogni passaggio( pista da 2, pistona da 8 , il gran carosello praticamente lo prosciuga) .Cosi' non si e'incitati come per i possessori di skipass giornaliero, settimanale, stagionale, di tutte Dolomiti, a fare il massimo di ' discese o caroselli in giornata sforando la propria preparazione ed energie.Poi presa confidenza con la tecnica di discesa per un numero di discese a scelta, si alterna con sci fondo, scialpinismo, ciaspole ecc.Anche per lo sci fondo c'e ilgiornaliero, l'abbonamento locale, l'abbonamento per una serie di piste anche lontane.Esiste purel'escursionismo gratuito, ma poi non ci si lamenti che le strade forestali o le praterie non sono battute. Lo scorso anno addirittura scoppiarono polemiche per gli scialpinisti che si servivano delle piste artificiali risalendole ailati, incontrandosciatorilanciatiin discesa, o risalit enotturne conlampade frontalimentre erano in azione i mezzi battipista Allo stato attuale si incrociano le dita e si prega che la neve"diventi tanta,in ognilocalita' turistica, ma dura e che duri". Se una botta di scirocco dopo Venerdi'annunciato nevoso la fara' liquefare, per noi di pianura con fiumi nelle vicinanze saranno cavoli.
2019-11-14 11:22:29
le piste da sci sono in gestione a delle società. Con lo skipass si pagano gli impianti di risalita ma anche la manutenzione delle piste, innevamento artificiale, sicurezza etc. Gli scialpinisti che percorrono le piste in salita lo fanno a proprio rischio, sapendo di infrangere leggi e regolamenti, ma mettono a rischio anche chi scende. Se non c'è neve, non si fa scialpinismo, è semplice. Ci si mette un bel paio di pedule e si sale a piedi. Altro appunto: l'abbonamento sciistico non è cedibile, pertanto la tua proposta (che non denigro ma convieni con me che è una "furbata") purtroppo non è applicabile.
2019-11-14 13:56:44
le tessere a punti ci sono da sempre.
2019-11-13 21:08:53
Oh dai che non piangono finalmente... Che imprenditori de sta cippa