Giovedì 7 Febbraio 2019, 00:00

Cancro all'utero: «Colpa dei no-vax», cade la copertura sul Papilloma virus

PER APPROFONDIRE: cancro, no-vax, papilloma virus, utero, vaccini
Cancro all'utero: «Colpa dei no-vax», cade la copertura sul Papilloma virus

di Mauro Favaro

TREVISO - Non ci sono solo le vaccinazioni pediatriche. Le campagne no-vax arrivano a incidere anche sulla prevenzione dei tumori. Quello contro il Papilloma virus è l'unico vaccino che consente di scongiurare il rischio di sviluppare una neoplasia. Precisamente previene l'insorgere nelle donne del carcinoma del collo dell'utero, inducendo una protezione maggiore prima di un eventuale contagio con il virus Hpv. Ma negli ultimi tempi la copertura è letteralmente precipitata. Si è scesi dal 76 al 59 per cento. Quasi 20 punti in meno. Abbastanza per parlare di un vero e proprio allarme.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cancro all'utero: «Colpa dei no-vax», cade la copertura sul Papilloma virus
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 35 commenti presenti
2019-02-07 12:35:03
E le cure se uno non si è voluto vaccinare sono comunque a mio carico? O se le paga direttamente in soldoni il no-vax?
2019-02-07 13:27:21
E' molto scorretto diffondere falsita' (ovviamente non provate) come quella che il vaccino per l'HPV darebbe "importantissime e gravi reazioni avverse". Il vaccino HPV viene utilizzato in tutto il mondo da vari anni ed è risultato molto sicuro; i dati derivati da studi clinici randomizzati mostrano infatti che gli eventi frequenti significativamente associati alla vaccinazione sono solo reazioni locali nella sede di iniezione, mentre il rischio che il vaccino provochi un danno grave è estremamente modesto. Naturalmente, come ogni altro farmaco o vaccino è possibile che la vaccinazione determini un danno grave, come ad esempio una reazione allergica severa, ma questa è un'evenienza in genere molto rara. Per quanto riguarda le reazioni locali al vaccino (dolore, arrossamento, gonfiore e prurito) queste sono molto comuni (fino all'80% dei casi) ma in genere lievi/moderate e comunque transitorie, risolvendosi pertanto spontaneamente nell'arco di pochi giorni. Altri eventi avversi conseguenti la vaccinazione sono la febbre (più dello 0,1% dei casi per tetravalente e tra lo 0,01 e lo 0,1% dei casi per il bivalente), orticaria (tra lo 0,01 e lo 0,1 % dei casi per bivalente e tra lo 0,0001 e lo 0,001% dei casi per il tetravalente) e solo per il bivalente la cefalea (più dello 0,1% dei casi), nausea, vomito, diarrea o dolore addominale (tra lo 0.01 e lo 0,1% dei casi), dolore muscolare o articolare (circa lo 0,1% dei casi).
2019-02-07 14:56:31
quella in Svezia é una fake news, anzi é una fake research, fatta da un fake researcher. Cerca in google "Fake researcher fabricated finding that HPV vaccine causes cervical cancer"
2019-02-07 15:43:55
Caspita, era dai tempi del corso di catechismo che non sentivo pronunciare il termine fornicazione. Il sesto comandamento era per me qualcosa di misterioso. D'altronde. per le suore sarebbe stato un po' imbarazzante spiegarsi meglio.
2019-02-07 12:36:29
Per le cure si usano i medicinali prodotte dalle lobby farmaceutiche che lucrano sulla salute, o viene usato un infuso di erbe di campo fatto in casa?