​Truffa sui risparmi, spuntano i conti correnti del broker alle Isole Vergini e in Irlanda

Venerdì 15 Aprile 2022 di Vittorino Compagno
Truffa sui risparmi (Foto di moerschy da Pixabay )

VIGONOVO - Il broker 54enne Enrico Rigato, ha aperto conti correnti bancari in Irlanda e alle isole Vergini. Molto probabilmente il denaro, o almeno quello rimasto, non tornerà più in Italia e, men che meno, nelle mani degli investitori. Ma non è tutto. Enrico Rigato avrebbe prosciugato alcuni conti correnti bancari italiani dei clienti più fidati.


CODACONS


Per mettere in atto il suo piano, come ha tenuto a specificare il Codacons, Rigato avrebbe poi falsificato le firme dei clienti e per tale scopo si sarebbe servito di un collega che abita in provincia di Rovigo. Della questione, oltre che alla Guardia di Finanza di Mirano e alla Procura della Repubblica di Venezia, si sta ora interessando anche l'Agenzia delle Entrate. Ma si stanno pure muovendo le Procure di Padova e di Milano. Fino a circa due anni fa Rigato lavorava con le banche, ma pare che proprio per i suoi modi lavorativi poco trasparenti fosse stato allontanato. Poiché gli istituti bancari non avevano alcun interesse a rendere pubblica la questione, Rigato ha continuato ad operare on line, precipitando però dentro una crepa finanziaria sempre più profonda, senza più alcuna possibilità di uscirne. Potrebbero salvarsi dalla perdita di denaro solo coloro che hanno investito tramite le banche e hanno in mano le ricevute ufficiali delle transizioni. Il condizionale è sempre d'obbligo, ma in tali casi anche le banche dovrebbero essere chiamate a risponderne. Enrico Rigato non si è mai allontanato dalla sua abitazione di Vigonovo, seppure braccato da decine di clienti, nonché da Moreno Morello di Striscia la Notizia, che ha già pronto un servizio televisivo. Il broker non apre a nessuno né risponde al telefono.


TELEFONINI


I finanzieri hanno perquisito la sua abitazione e gli hanno sequestrato telefoni e computer. È emerso che a consegnarli cifre che si aggirano intorno ai 500mila euro sarebbero stati diversi imprenditori, calzaturieri rivieraschi e vivaisti padovani. Sulla questione c'è anche un lato comico. Sapendo che Rigato amava coccolare i suoi clienti più affezionati portandoli in hotel della Croazia, dove offriva cene a base di ostriche, champagne e altro, una troupe delle Jene si è presentata mercoledì sera a casa sua con in vassoio pieno di ostriche, bottiglie di champagne. Nonostante le ripetute richieste, Rigato, che dal suo appartamento controlla tutto ciò che succede fuori della sua abitazione, si è badato bene dall'aprire l'uscio di casa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA