Venerdì 31 Agosto 2018, 08:51

Ragazzina stuprata a Jesolo, post choc del poliziotto di Rovigo: se l'è cercata

Ragazzina stuprata a Jesolo, post  choc del poliziotto: se l'è cercata  «Servizietti ai pusher, poi...» /Leggi  Codacons chiede il licenziamento
JESOLO «Queste ragazzine pensano di rimediare una canna facendo servizietti veloci agli spacciatori...poi trovano quello che invece vuole il servizio completo e allora piangono perché le stuprano...storia vecchia come il mondo». Su Facebook, un post del genere, con annesso articolo sulla violenza sessuale di Jesolo, sarebbe già abbastanza aberrante di suo. Più grave, però, se la sparata non arriva da un utente comune, ma da un poliziotto ed ex dirigente di un sindacato.


Questo post choc sull'episodio dello stupro in spiaggia di una 15enne da parte di un senegalese, insieme ad altri dal contenuto discutibile («Cucchi valeva poco da vivo e da morto è diventato un affarone»), hanno scatenato un ciclone di polemiche, agitato dalla blogger e giornalista Selvaggia Lucarelli. L'autore è Mauro Maistro, poliziotto in servizio al commissariato di Adria, fino a un mese fa segretario del Coisp di Rovigo. 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ragazzina stuprata a Jesolo, post choc del poliziotto di Rovigo: se l'è cercata
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 169 commenti presenti
2018-09-01 22:06:52
La verità nuda e cruda BRUCIA!!! Tutti invocano la libertà di parola.... ma quando la parola è scomoda e detta da un tutore dell'ordine... bisogna mettere il bavaglio. Poi vorrei sapere cosa faceva una 15 enne in discoteca (ce ne vogliono 16). Invece di puntare il dito al poliziotto che ha spiattellato ciò che succede ma che i genitori non sanno o fanno finta di non sapere che molte ragazzi/e concedono "favori" in cambio di un po di fumo o di € ... puntate il dito sulla mancanza di controllo da parte dei genitori. In questa faccenda non bisogna condannare l'orco, ma anche i genitori che non hanno vigilato ed educato a dovere la ragazza ...e quest'ultima oltre a mandarla a far disintossicazione inviarla a un corso accelerato di "furbizia applicata" e sanzionare la discoteca per fatto entrare minori di 16anni. Non sò quale educazione e quale regole vi hanno dato i Vs genitori ma da ragazzi nella mia compagnia ( fin a oltre i 18anni ) se non facevamo rientro entro mezzanotte vedevamo i fuochi del redentore. Cmq una figlia quindicenne alle tre di notte da sola neanche col Burqa la lascerei andar fuori.-
2018-09-05 09:24:35
Un poliziotto non deve parlare ma agire. Deve essere sempre super partes. Se ha commenti personali li faccia nel privato o li faccia fare ai suoi superiori. Un poliziotto deve relazionarsi con vittima e carnefice e non può fare vendetta privata nè durante il servizio nè prima nè dopo sia nei modi che con le parole
2018-09-01 20:39:04
Giratela come vi pare ma la "bambina" sapeva benissimo a cosa andava incontro (non e' stata trascinata a forza)seguendo di sua spontanea volonta' l'africano !Che poi abbia avuto dei ripensamenti (proprio come le due americanine di firenze) o forse perche'il fatto non e' passato inosservato , ha scelto di denunciare !
2018-09-01 20:20:51
Mi rifaccio al principio kantiano che un individuo al di fuori del proprio ruolo istituzionale può esprimere liberamente la propria opinione. Certo c'è modo e modo di esprimere le proprie osservazioni ma come attenuante il compito di un poliziotto che si trova a contatto con il lato più equivoco e schifoso del mondo per me è un'attenuante. Secondo me il poliziotto deve ricevere una corposa sanzione ma pensare al licenziamento è esagerato. Fra l'altro la si può mettere come si vuole, ma la ragazzina non doveva accompagnarsi con il ceffo in questione
2018-09-01 17:25:10
Via subito. Fuori dalla polizia.