Nomadi all'attacco, diffida formale a Zaia e ai sindaci trevigiani: «Mancano politiche di inclusione»

Il camper di uno dei nomadi ai quali il sindaco di Caerano San Marco aveva intimato di sloggiare
ROMA - L'Associazione nazionale Rom annuncia di aver inviato una «formale diffida» al ministro dell'interno Salvini, al presidente del Veneto, Zaia, e ad alcuni sindaci del Trevigiano per il mancato rispetto degli accordi europei e della strategia nazionale di inclusione di Rom, Sinti e Camminanti (Rsc), per i quali le autorità italiane ricevono dalla Ue specifici fondi strutturali. Regione Veneto, Comuni, Ministero dell'Interno, Unar - è detto nella diffida - «hanno omesso di implementare la Strategia Nazionale di Inclusione e la sua governance, ricevendo invece, per questo scopo, denaro dalla Commissione Europea per promuovere inclusione sociale, combattere povertà e discriminazione».

L'AGGRESSIONE AL SINDACO DI CAERANO SAN MARCO  Scaccia i nomadi abusivi, aggredito e massacrato di botte

Il documento è stato trasmesso anche ai Tribunali di Treviso e Roma, e alle più alte autorità italiane. L'iniziativa, spiega l'Anr, prende le mosse dall'ultimo scontro tra nomadi e autorità verificatosi a Caerano San Marco ( Treviso), dove il sindaco, Gianni Precoma, ha denunciato di essere stato aggredito da un famiglia di etnia rom che voleva far sgomberare con il camper da un'area non autorizzata.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 15 Agosto 2019, 14:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Nomadi all'attacco, diffida formale a Zaia e ai sindaci trevigiani: «Mancano politiche di inclusione»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 67 commenti presenti
2019-08-16 15:57:46
Politiche de che? Inclusione..ah ah ah ah
2019-08-16 13:23:12
Ahahahahahahah ma fatemi il piacere, pure la diffida, comportatevi da persone civili e poi ne riparliamo.
2019-08-16 12:51:24
... ora sappiamo che li paghiamo pure per fare i diversamente onesti.. e l'europa li tutela .. ovvero collabora
2019-08-16 11:29:10
Il fatto e' che i colpiti da coltellate o pugni...si erano presentati in borghese a gente forse alterata a non in grado d iconnettere, quindi i malviventi trovano buoni avvocati che si appigliano ai dettagli.
2019-08-16 10:24:22
In Italia oramai abbiamo perso completamente la bussola, siamo bravissimi a fare il contrario di tutto, a Roma accoltellano un carabiniere e si cerca di rigirare la frittata e vedrete che qualcuno dirà che è stata colpa del carabiniere che si è buttato sul coltello, qui prendono un pubblico ufficiale lo pestano e adesso si incavolano pure e denunciano "giustamente" chi lavora per il bene comune, non c'è fine al peggio.