Giovedì 7 Febbraio 2019, 00:00

Cancro all'utero: «Colpa dei no-vax», cade la copertura sul Papilloma virus

PER APPROFONDIRE: cancro, no-vax, papilloma virus, utero, vaccini
Cancro all'utero: «Colpa dei no-vax», cade la copertura sul Papilloma virus

di Mauro Favaro

TREVISO - Non ci sono solo le vaccinazioni pediatriche. Le campagne no-vax arrivano a incidere anche sulla prevenzione dei tumori. Quello contro il Papilloma virus è l'unico vaccino che consente di scongiurare il rischio di sviluppare una neoplasia. Precisamente previene l'insorgere nelle donne del carcinoma del collo dell'utero, inducendo una protezione maggiore prima di un eventuale contagio con il virus Hpv. Ma negli ultimi tempi la copertura è letteralmente precipitata. Si è scesi dal 76 al 59 per cento. Quasi 20 punti in meno. Abbastanza per parlare di un vero e proprio allarme.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cancro all'utero: «Colpa dei no-vax», cade la copertura sul Papilloma virus
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 35 commenti presenti
2019-02-08 16:58:26
Cosa vuoi cara Moretti... la gente ha cominciato ad imformarsi, leggere, capire...le menzogne che tu e il tuo partito hanno sempre raccontato sono emerse...
2019-02-08 08:41:33
Ma e' possibile che ogni cosa e' colpa dei no-vax? Intanto chiariamo che no-vax e' un concetto che non esiste ed e' una categorizzazione puramente inventata: non c'e' nessuna persona intenda vietare ad alcuno a vaccinarsi. Ma detto cio', come e' possibile che il 95% dei genitori che hanno ascoltato i consigli del medico per fare le 10 vaccinazioni, quando si tratta di HPV si fanno imbambolare da altre teorie? Il problema e' la coerenza dei pro-vax. Non e' colpa mia se i medici che usano la scienza e ci raccomandano caldamente di vaccinarci per ogni germe possibile (appoggiando anche la legge dell'obbligo) poi essi stessi non si vaccinano, o si vaccinano solo al 15% come ribadito dai dati ufficiali dell'Istituto Superiore della Sanita'. Non e' colpa mia se tutte le persone che qui dentro commentano, insultando le posizioni delle persone dubbiose o critiche verso la vaccinazione, poi non si fanno nemmeno i richiami decennali per Difterite-Tetano-Pertosse. Dai, per favore, fatemi un piacere: onestamente (ma onestamente!) quanti di voi hanno fatto il richiamo decennale per la DTP? E volete forse venire a raccontarmi che se non lo avete fatto e' per colpa dell'esistenza di un pensiero critico verso le vaccinazioni? E' questa la votra coerenza?
2019-02-07 17:09:43
hiper- cerco di seguire la sua logica; non dovevano essere acquistati milioni di vaccini e se H5N1 avesse colpito l'Italia potevano pure morire migliaia di persone, anche alcuni suoi cari, che per lei non era un problema, l'importante è risparmiare. Un grande applauso. Ovviamente per me viene prima di tutto la salute e la prevenzione, beato lei e tutti i no-vax che non avete questo problema.
2019-02-07 17:30:52
Nessuna delle malattie vaccinabili è letale, ancor meno l'influenza. Sessant'anni fa in collegio, ai ragazzi che restavano a letto malati veniva 1) misurata la febbre, 2) somministrata una purga, 3) dieta liquida o quasi digiuno per 3 max. 4 giorni. Mai visto un medico in quegli anni nemmeno in lontananza - e funzionava sempre, al 100 %
2019-02-07 20:36:20
Dillo ai morti di vaiolo o di meningite o ai menomati dalla polio.