Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Incidente frontale fra due camion: nulla da fare per Thomas, perde la vita a 31 anni

Venerdì 27 Maggio 2022 di Francesco Campi
La scena del terribile incidente in cui ha perso la vita l'autista di Fratta Thomas Casarolli
1

FRATTA POLESINE - Lunghe strisce nere sull’asfalto, segno di frenate che non hanno impedito a due camion di scontrarsi, quasi frontalmente, poi di arrestarsi fianco a fianco, in un groviglio di lamiere. Un abbraccio mortale costato la vita a Thomas Casarolli, 31 anni, di Fratta Polesine che, nonostante la giovane età, era un camionista esperto, cresciuto in mezzo agli autotreni perché figlio di Graziano, che nel 1987 ha fondato la Casarolli Trasporti, specializzata prevalentemente nel trasporto di cereali e prodotti zootecnici, ma anche materiali per l’edilizia. Una realtà che ha mosso i primi passi movimentando il grano della Grandi Molini Italiani con appena un camion, arrivando oggi a contare su una flotta di circa venti mezzi. Thomas, sposato con Lara Olivieri da quasi tre anni e padre di una bambina di non ancora due, conosceva e amava il suo lavoro. Aveva percorso migliaia di chilometri e molti ne avrebbe potuti e voluti ancora percorrere. Ma giovedì pomeriggio un incidente ha spezzato la sua vita, strappandolo all’amore della famiglia.

DINAMICA DA CHIARIRE

Erano circa le 17 ed il 31enne si trovava in provincia di Parma, al volante di uno dei mezzi della sua azienda. Stava percorrendo la Provinciale 343, l’ex Statale Asolana, che da Parma attraversa longitudinalmente la pianura padana emiliana fino al Po, per poi raggiungere Cremona e Mantova. Stava percorrendo un tratto rettilineo, abbastanza stretto, nel quale il limite è di 70 all’ora, all’altezza di San Polo di Torrile, un tratto tristemente noto ai residenti per la sua pericolosità. La dinamica ancora non è chiara e sarà oggetto di approfonditi accertamenti. Una delle ipotesi ritenute più plausibili dai carabinieri di Fidenza, che hanno eseguito i primi rilievi, è che uno dei due conducenti, abbia avuto un malore, perdendo il controllo del proprio “bisonte”. Una frazione di secondo, una manciata di centimetri. Ma tanto è bastato per segnare il destino di Thomas. Perché proprio in quel momento i due camion stavano passando uno in uno direzione, l’altro in quella opposta. Entrambi gli autisti hanno frenato, ma nessuno dei due è riuscito ad evitare l’impatto fra i rispettivi mezzi. Scontro tragico. Il 118 parmense ha inviato sul posto l’elisoccorso, ma per Casarolli non c’era ormai più nulla da fare ed il medico accorso sul posto non ha potuto fare altro che dichiarare l’avvenuto decesso del giovane. Sul posto sono intervenuti anche due mezzi di soccorso da Colorno, oltre ai vigili del fuoco che si sono occupati della messa in sicurezza dei due mezzi, nonché di agevolare l’estrazione del 31enne dalle lamiere dell’abitacolo.

ACCERTAMENTI BIOLOGICI

La Procura parmigiana ha disposto gli esami dei cronotachigrafi dei due mezzi pesanti, che sono una sorta di “scatola nera” dei camion, per appurare quali fossero le rispettive velocità. Sono stati disposti anche gli accertamenti ematici sul conducente sopravvissuto, per valutare se avesse bevuto o assunto sostanze psicotrope. Per tutto il tempo delle lunghe e drammatiche operazioni di soccorso, rilievo e rimozione dei due camion, la polizia locale ha bloccato il traffico in entrambe le direzioni, anche perché i due mezzi incastrati uno nell’altro occupavano tutta la carreggiata. Una morte sul lavoro, quella di Thomas Casarolli, una morte che si aggiunge alla serie di lutti dovuti ad incidenti stradale che hanno costellato l’ultimo periodo e che hanno visto tanti, troppi, giovani polesani spegnersi prematuramente.
 

Ultimo aggiornamento: 28 Maggio, 11:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci