Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cacciato di casa dal fratello, scende in strada nudo e armato di machete

Lunedì 11 Aprile 2022 di Cesare Arcolini
Nudo e armato di machete (foto di repertorio)
3

BORGO VENETO - Nudo e armato di machete davanti al cancello d'ingresso dell'abitazione del fratello. A dare l'allarme ieri pomeriggio attorno alle 16 sono stati alcuni automobilisti in transito che vedendo l'arma e la persona in evidente stato di alterazione psicofisica, che urlava frasi di difficile comprensione, hanno pensato bene di chiamare il 112. I fatti si sono verificati a Borgo Veneto in località Saletto all'altezza di via Pasquale Longo. Sul luogo della segnalazione in pochi minuti sono giunte due pattuglie dell'Arma della stazione di Solesino e di Este. Alla vista dei carabinieri l'esagitato in un primo momento ha mantenuto un comportamento di sfida, poi è sceso a miti consigli gettando a terra la pericolosa arma.

Dopo averlo coperto, l'hanno accompagnato in caserma ed identificato. Si tratta di un 50enne, originario del Marocco, ma residente a Saletto. Dalle prime indiscrezioni è emerso che prima di lasciarsi andare allo sfogo plateale, avrebbe litigato aspramente con il fratello. Quest'ultimo, stanco per le continue discussioni, l'avrebbe mandato via di casa. Un affronto che, evidentemente, il cinquantenne ha mal digerito. Al punto da privarsi di tutti i vestiti e armarsi di un pericoloso machete. Molto probabilmente non voleva far male al familiare, ma solo spaventarlo e convincerlo a riaccettarlo in casa. Sta di fatto che con questo comportamento si è messo in una serie di guai. Ora dovrà rispondere all'autorità giudiziaria per porto ingiustificato di armi, minacce e atti osceni in luogo pubblico. I militari hanno sentito il fratello dello scalmanato per cercare di conoscere nei dettagli la vicenda.
 

Ultimo aggiornamento: 12 Aprile, 14:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci