Morto nello schianto in A4, la sua azienda: «Abbiamo perso un grande manager»

Morto in A4, la sua azienda: «Abbiamo perso un grande manager»
UDINE - Il manager Alfredo Tarquini è deceduto ieri in uno spaventoso  incidente stradale avvenuto sulla A4 all’altezza di San Stino di Livenza: l'ingegnere 59enne di Grado era direttore commerciale della società Esna Soa nella sede di Udine, nella quale aveva da sempre operato.

«Assunto nel 2007 come Dirigente, negli anni ha coordinato con sapienza e capacità tutto il team di colleghi delle varie sedi della Società dislocate in tutto il territorio italiano, un Uomo chiave con grandissime capacità organizzative e di coordinamento, vero punto di riferimento per i Clienti e per la rete commerciale della Società. La sua prematura scomparsa rappresenta una incolmabile perdita per la Società e per i Colleghi, sia dal punto di vista professionale ma soprattutto dal punto di vista umano: egli era un Collega preparato e sempre attento a cogliere le sfide che questa particolare contingenza economica presentava con atteggiamento positivo e dinamico. Ma più di tutto era un Amico leale e fidato che non ha mai fatto mancare appoggio alla propria squadra. In questo momento di dolore, ESNA esprime le sue più sentite condoglianze alla famiglia e alle persone a lui più vicine».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 30 Maggio 2019, 16:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Morto nello schianto in A4, la sua azienda: «Abbiamo perso un grande manager»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2019-05-31 13:25:07
Certo che sarà stato un uomo buono e anche padre di famiglia, anch'io sono padre di famiglia e se faccio stupidate ne paga anche la mia famiglia, ne sono responsabile e allora nel limite del possibile e a volte anche dell'impossibile mi comporto secondo le regolto signore sia deceduto non le conosco però sò che io da militare non mai preso una consegna e al momento neanche una multa sulla strada, non sono un coniglio, anzi il contrario. Le regole sono regole lui se ne è andato e i suoi ne pagano le conseguenze, che R.I.P.
2019-05-31 06:24:49
Guardo la foto"le 30 strade piu' pericolose del mondo"e quel tratto non lo trovo, ma secondo la vox populi e le cronache...Dio ci scampi da quella tratta.Mai messe safety cars...che rallentano i Tir.
2019-05-30 20:46:45
la sua ditta dice che è una grave perdita ma non ha considerato il fatto che uno di tale importanza che gira per l'italia era meglio se aveva un autista? perchè non puoi fare riunioni ed incontri e poi metterti per strada bello stanco. considerando che con le tecnologie attuali poteva anche benissimo lavorare mentre l'altro lo scarrozzava in giro per l'italia.
2019-05-30 20:42:42
I soliti saccenti nullafacenti emettono sterili sentenze. Diversamente da loro, era un uomo che lavorava ed è morto durante il lavoro. Ma per certi minus è assai arduo pensare...
2019-05-30 19:41:56
telefonino??