Mostre, D'annunzio e Dante dal 18 settembre al Vittoriale. L'esposizione sul rapporto tra il Vate e il Sommo Poeta

Lunedì 30 Agosto 2021
Mostre, D'annunzio e Dante dal 18 settembre al Vittoriale. L'esposizione sul rapporto tra il Vate e il Sommo Poeta

Una mostra unica avrà luogo al Museo d'Annunzio Segreto al Vettoriale di Gardone Riviera (Brescia) dal 18 settembre. L'esposizione racconterà alcuni episodi del lungo e complesso rapporto tra il Vate e il Sommo Poeta Gardone Riviera. Con oggetti «unici e straordinari», la mostra «Dante e Gabriele d'Annunzio», sarà aperta fino al 31 dicembre. Si tratta di uno dei numerosi eventi ideati per celebrare il primo centenario del Vittoriale (1921), che ricorre proprio nell'anno del settimo centenario della morte di Dante (1321).

Un ticket da 20 euro per visitare Venezia: «Dal turismo 200 milioni l'anno»

La cura dell'esposizione è di Giordano Bruno Guerri, presidente della Fondazione Il Vittoriale degli Italiani, e di Benedetto Gugliotta, responsabile dell'Ufficio tutela e valorizzazione della Biblioteca Classense di Ravenna. Il 1921, anno del sesto centenario dantesco, fu anche l'anno in cui Gabriele d'Annunzio, deluso per la funesta conclusione dell'impresa di Fiume e in rotta con l'Italia governativa e ufficiale, orchestrò dalla villa di Cargnacco sul Garda il suo personale omaggio a Dante. Invitato dal sindaco di Ravenna come ospite d'onore, il Vate si negò all'ultimo momento ma alla città bizantina inviò tre sacchi colmi d'alloro su altrettanti aerei pilotati da aviatori della Squadra del Carnaro: uno di essi lo aveva accompagnato nel celebre Volo su Vienna del 1918.

Gli umili sacchi di juta furono decorati da Adolfo De Carolis con le stelle dell'Orsa, ghirlande e soprattutto con il motto «Inclusa est flamma», «la fiamma è all'interno», dettato da d'Annunzio. I sacchi trasportavano dunque, oltre all'alloro segno di gloria e di immortalità, anche una fiamma simbolica destinata ad alimentare quella che ardeva, allora come oggi, nella tomba di Dante. Il Vate istituiva in questo modo un ardito e affascinante parallelo tra la fiamma ravennate e quella del tempio di Apollo a Delfi, cuore della nazione greca in epoca classica.

L'incuria divora l'antico cimitero delle Belle arti

Il sepolcro di Dante venne così elevato a vero e proprio «altare della Patria», capitale ideale dell'Italia uscita vincitrice, ma con le ossa rotte, dalla Grande Guerra. I sacchi, insieme a molti altri cimeli, fanno oggi parte delle collezioni dantesche del Comune di Ravenna, fin dall'origine gestiti dalla Biblioteca Classense. Tra le altre opere che giungeranno dalla città bizantina, un bozzetto di Guido Cadorin per la decorazione a tema dantesco della Chiesa di San Francesco (1921), due albi manoscritti contenenti le firme dei visitatori della tomba di Dante e della Classense - e tra essi quelle di d'Annunzio e di Eleonora Duse - e un'edizione della Francesca da Rimini dedicata e donata alla città nel 1902.

Il Vittoriale arricchirà l'esposizione con la silografia del Dantes Adriacus commissionato dal poeta a Adolfo De Carolis, il busto dell'Alighieri realizzato dallo scultore Onorio Ruotolo e dono degli italiani di New York, i materiali documentali e a stampa provenienti dagli Archivi e dalle Biblioteche del Vittoriale fra cui il manoscritto Per la dedicazione dell'antica Loggia fiorentina del grano al novo culto di Dante, le stesure e gli appunti per la Francesca da Rimini; e ancora la monumentale edizione della Commedia illustrata da Amos Nattini e quella non meno preziosa stampata da Leo S. Olschki nel 1911, in occasione delle celebrazioni per il cinquantenario dell'Unità d'Italia.

 

Comicanto: se l'audizione si trasforma in baraonda

Ultimo aggiornamento: 15:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA