L'OPERAZIONE
PADOVA É stata smantellata dalla Polizia Locale una centrale

Giovedì 12 Dicembre 2019
L'OPERAZIONE
PADOVA É stata smantellata dalla Polizia Locale una centrale dello spaccio e del gioco d'azzardo in un appartamento di via Tommaseo 17, all'interno dell'edificio chiamato Torre Belvedere. L'altra sera, infatti, gli agenti sono entrati in un alloggio al 2° piano, dove c'erano venti cinesi, intenti a giocare con carte da poker, ramino, gettoni e fiches. I vigili, dopo aver identificato H.S., una cinese di 49 anni, hanno ispezionato i locali e in particolare la stanza della donna che era chiusa a chiave: all'interno c'erano sostanze tipo metanfetamina e materiale utile al confezionamento di dosi. Gli agenti hanno poi provveduto alla perquisizione di H.S., che risultava detenere altri della droga detta shaboo. Complessivamente la Polizia Locale ha sequestrato circa 7 grammi di cristalli di quest'ultima, corrispondenti a circa 70 dosi pronte per la vendita. In considerazione del quantitativo di droga pesante detenuto, la donna è stata immediatamente arrestata per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio: è stata poi condannata a 6 mesi di reclusione con pena sospesa. Inoltre 13 persone sono state deferite per gioco d'azzardo e sono stati sequestrati 8mila euro.
«Grazie al nostro Reparto di Polizia Giudiziaria - ha commentato il comandante Lorenzo Fontolan - lavoriamo con impegno per contrastare lo spaccio puntando ad intercettare un livello più elevato rispetto a quello dei pusher di strada. Ringrazio la Procura per avergli riconosciuto competenze e capacità investigative affidandogli indagini delicate e complesse». «Sono molto soddisfatto dell'esito di questa operazione che conferma il grande lavoro che la nostra Polizia Locale sta facendo per contrastare lo spaccio - ha aggiunto Sergio Giordani -. E assicuro che la pressione nei confronti dei mercanti di morte non si allenterà, anzi la aumenteremo con l'utilizzo del nuovo cane antidroga».
Ni.Co.
© RIPRODUZIONE RISERVATA