Il Patriarca: «San Marco e Venezia fragili, speriamo entri presto in funzione il Mose»

Il Patriarca: «San Marco e Venezia fragili, speriamo entri presto in funzione il Mose»
VENEZIA - «La basilica di San Marco e la città vanno rispettate, custodite e mantenute come realtà vive, di popolo. Speriamo quindi che, con il concorso di tutti, anche certi strumenti, progettati e da tempo in fase di definizione, a questo punto possano entrare presto in funzione, e soprattutto funzionino bene». È il riferimento che il Patriarca di Venezia, Francesco Moraglia, fa al progetto Mose, dopo la forte acqua alta abbattutasi su Venezia, che ha recato gravi danni all' interno della basilica marciana.

IL COMMENTO Venezia sommersa dall'acqua alta, aspettando il Mose che non c'è

 
 

L'avvio del funzionamento del sistema di dighe mobili, secondo Moraglia, consentirebbe «di ridare speranza alla città e non far venire meno la fiducia nelle istituzioni. Nel momento culminante dell'acqua alta - spiega il patriarca - sono andato a vedere direttamente sia lo stato della Basilica, raggiunta dall'acqua in più punti, sia della Piazza San Marco. E proprio percependo la gravità della situazione ho voluto raccomandare soprattutto le persone e la loro incolumità alla Madonna Nicopeia e al patrono san Marco» «In quei momenti - conclude - la basilica mi è sembrata l'immagine dell'intera città di Venezia nella sua congenita fragilità».
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 2 Novembre 2018, 09:40






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Patriarca: «San Marco e Venezia fragili, speriamo entri presto in funzione il Mose»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-11-04 05:22:33
Accenda pure tutte le candele che può a tutti i santi del mondo che il mose non funzionerà mai, è già tutto ruggine, è inutile e funzionale solo ad ingrassare i soliti noti.
2018-11-02 17:10:34
Il Patriarca pensa che il Vaticano possa contribuire alle spese del Mose o che si rivolgera' a Mose' affinche' ripeta il suo famoso miracolo all'accorrenza? La cosa non e' chiara e meriterebbe un approfondimento.
2018-11-02 16:52:48
Come affermazione fa un pò sorridere, se la situazione Mose non fosse così tragica e lo sperpero di denaro pubblico incontrollato, pure con dubbi sulla utilità di un'opera faraonica come il Mose.
2018-11-02 10:24:02
Forse per intercessione dello spirito santo...........
2018-11-02 09:57:56
"Speriamo entri in funzione il Mose"....gia'...certo che se il buon giorno si vede dal mattino....