Zaia: «Dal primo giugno visite dei familiari nelle case di riposo. Domani un piano da mezzo miliardo per le imprese»​ Video

Martedì 26 Maggio 2020 di Raffaella Ianuale
La diretta di Luca Zaia
2

Coronavirus in Veneto. Luca Zaia in diretta oggi, 26 maggio 2020. Il punto del presidente all'ottavo giorno dopo la fine del lockdown e l'avvio delle riaperture. Zaia ha annunciato l'apertura dal primo giugno delle case di riposo alle visite dei familiari e ha riconfermato l'avvio dei centri estivi dal 3 giugno per la fascia di età 3-17 anni, aggiungendo però che ci sono anche le linee guida per i più piccoli di 0-3 anni. Ha invece annunciato per domani la presentazione del piano per il rilancio dell'economia con uno stanziamento da mezzo miliardo di euro per le imprese.

DATI DI OGGI 26 MAGGIO: solo 7 nuovi positivi, ricoverati sotto quota 500

Il bollettino
Ecco i dati diffusi oggi dalla sede della protezione civile: i contagiati dall'inizio dell'epidemia sono 19.105 (+7), in isolamento 2.308 (-311),  454 ricoverati in ospedale in area non critica, dei quali 277 negativi al virus, in terapia intensiva ci sono 38 (-1) persone, delle quali 27 negative, i dimessi sono 3.302 (+32), i morti sono invece 1.886 (+8), dei quali 1.360 nelle strutture ospedaliere. L'incidenza dei contagi è dello 0,6 per mille.

Centri estivi
«Siamo pronti ad aprire il 3 giugno i centri estivi per la fascia di età 3-17 anni secondo le indicazioni del governo - dice il governatore Luca Zaia -  ma noi siamo pronti anche con le linee guida per la riapertura dei nidi per i piccoli da 0-3 anni, è necessario però che il governo con Dpcm convalidi le nostre indicazioni: ci sono una serie di linee guida che sono ancora nel limbo e non sono state inserite nei decreti del governo». 

Casa di riposo
«Siamo pronti alla riapertura delle Rsa lunedì primo giugno, chiuse dall'8 marzo, ci sono molti familiari che chiedono di poter giustamente andare a trovare i propri cari - spiega Zaia - noi forniamo gli strumenti per far accedere i parenti nelle 300 case di riposo del Veneto che accolgono 30mila ospiti e 30mila dipendenti. Poi saranno i vertici delle strutture a decidere come procedere e organizzare gli accessi. Delle 300 case di riposo venete, ricordo, che il 75% ha avuto zero contagi, ce ne sono state solo una ventina che invece hanno avuto delle stragi. Complessivamente sono 600 le morti avvenute  in queste strutture». Il governatore si è anche detto favorevole alla commissione d'inchiesta per le morti e i contagi nelle Rsa: «Solo un folle potrebbe mettersi contro questa richiesta, l'unica cosa che ho chiesto è che non intralci l'operato della Procura che sta indagando».

Imprese
«Domani l'assesore allo sviluppo economico Roberto Marcato presenterà un piano da mezzo miliardo di euro per le imprese» annuncia il presidente Zaia come intervento a sostegno dell'economia. «Non basta, ma aiuta - ha spiegato - Per noi questa tragedia vale 65 mila posti di lavoro persi». Poi ha aggiunto: «Sono fiducioso anche per il turismo, mi ha reso felice vedere nel fine settimana le spiagge con molte persone».

Mostra del Cinema
«Riconfermo che verrà fatta la Mostra del Cinema di Venezia - dice Zaia - Se i dati sono quelli di oggi il Veneto ha più titolo di altre realtà per dire che il festival verrà fatto. Dobbiamo dirlo al mondo: la Mostra del Cinema ci sarà, con tutti i limiti che ne conseguono a causa delle produzioni che non sono state concluse per il diffondersi del coronavirus».

Elezioni
«Ad oggi la legge dice che il voto per le regionali sarà in una finestra tra il 25 settembre e il 25 dicembre. Il Comitato tecnico-scientifico invece dice che le elezioni devono essere fatte entro settembre. Noi chiediamo che si facciamo a fine luglio. Siamo in attesa visto che oggi c'è stata una riunione politica della maggioranza» ha detto il presidente della Regione Veneto Luca Zaia e ha ribadito - e io resto fermo sulla data di luglio».

 

Ultimo aggiornamento: 27 Maggio, 13:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA