Tornano i turisti tedeschi e austriaci, metà delle barche sulle marine sono loro

Sabato 20 Giugno 2020 di R.U.

Al primo posto tra le regioni italiane con una media di 180,8 posti barca per ognuno dei suoi 94 chilometri di litorale, il Friuli Venezia Giulia si conferma una delle “capitali” italiane del diportismo. Quest’anno ancora più. L’epidemia di Covid-19 e le nuove regole per abitare le spiagge promettono un’infusione di ulteriore vitalità per il settore della nautica da diporto. Le imprese che operano principalmente tra Lignano Sabbiadoro, Marano, Grado, Monfalcone e Trieste alla manutenzione delle barche e alla messa in acqua stanno infatti lavorando a pieno regime. «Anche 10, 12 ore al giorno per star dietro alle richieste dei clienti - racconta il capocategoria della nautica di Confartigianato-Imprese Udine, Mauro Della Negra -.In quest’ultima settimana sono ritornati in forse austriaci e tedeschi, del resto possiamo stimare che circa la metà delle barche presenti nelle nostre marine sia loro». 

I numeri del settore, elaborati dall’ufficio Studi di Confartigianato Udine, sono imponenti. Il numero di posti barca è pari a 17.001 con tendenza in lieve crescita dal 2013. Più di un posto barca su 10 nel nostro Paese è localizzato in Friuli Venezia Giulia  (10,5%), che si colloca così al 5° posto nella classifica tra le 14 regioni italiane che si affacciano sul mare (la Basilicata Ionica è aggregata alla Puglia, quella Tirrenica alla Calabria). Il numero di unità da diporto iscritte per ogni 100 posti barca (indice di affollamento) è però basso, pari a 23 (10° posto su 14 regioni italiane) per un totale di 3.906 imbarcazioni da diporto presenti (dato 2018). A prendersene cura sono complessivamente 248 imprese, per un totale di 316 localizzazioni, di cui 211 artigiane. Di queste, 79 (37%) operano nel settore della costruzione di imbarcazioni da diporto e sportive, 132 (63%) nella riparazione e manutenzione di navi e imbarcazioni (esclusi motori). Gli addetti complessivi sono 1.156 di cui 1.004 dipendenti, 373 a libro paga delle imprese artigiane. 

Numeri importanti che tuttavia Della Negra invita a considerare in difetto. «Ci sono più imprese e più addetti, il sistema dei codici Ateco non consente di fotografare esattamente la consistenza del settore che è ancor più spallato di quanto non dicano i numeri».
Al palo per circa un mese e mezzo causa Covid-19, il comparto a maggio è tornato al lavoro. «Stiamo cercando di recuperare il tempo perso, maggio è ormai da anni diventato il mese in cui le barche vengono rimesse in acqua, ma quest’anno è saltato perché ad aprile non abbiamo potuto lavorare. Nonostante avessimo codici Ateco ai quali era consentito il prosieguo dell’attività abbiamo dovuto attendere la riapertura delle darsene che in molti casi avevano chiuso precauzionalmente». Ora le imprese sono inondate di chiamate. «Da altre regioni e dall’estero. I proprietari ci chiedono di verificare lo stato delle imbarcazioni e di metterle in acqua rapidamente, perché quest’anno più che mai la “vacanza” in mare è sinonimo di sicurezza» conclude Della Negra che spera di recuperare buona parte delle perdite subite durante il lockdown. «Se tutto andrà bene chiuderemo l’anno con un 30% di perdite». 

Ultimo aggiornamento: 17:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA