Denis vive in un camper con la sua cagnolina: pioggia di offerte di lavoro, perfino dall'Olanda

Domenica 19 Gennaio 2020 di Alessandra Vendrame
Denis vive in un camper con la sua cagnolina: pioggia di offerte di lavoro, perfino dall'Olanda
2

MOGLIANO VENETO - Uno tsunami di solidarietà per Denis in arrivo da tutto il Nord Italia. E persino dall'Olanda. Per lui moltissime le offerte di aiuto, dal vitto all'alloggio fino a un ventaglio di utili opportunità di lavoro come giardiniere, dog sitter o persona di compagnia per chi è malato. La storia di Denis Spolaor, il senza dimora di 58 anni, disoccupato, che vive a Mestre in un vecchio camper in un parcheggio nei pressi di via Bissuola, ha rotto il muro dell'indifferenza che fino a ieri sembrava renderlo completamente invisibile. Una pioggia di messaggi di aiuto è giunta in questi giorni alla pagina web del Gazzettino. Senza contare le oltre 300 persone pronte in tanti modi a tendergli una mano che inondando di messaggi i social hanno contattato i coniugi moglianesi Dario Zimbaro e Elena Grossi, che da due anni hanno preso a cuore la sua situazione.

Vivere da clochard. Come "casa" la fernata del bus: «A me piace così»

RACCOLTA FONDI
Una ventina di piccoli benefattori ha voluto versare ognuno quello che ha potuto in un conto corrente per lui aperto da quando è iniziata la gara di solidarietà. La generosità ha persino varcato i confini nazionali. Tant'è che una proposta di impiego è giunta persino dall'Olanda dove una ditta del settore degli infissi sarebbe subito pronta ad offrirgli un lavoro come custode e una casetta per alloggio. Appena fuori porta, da Bassano, arriva invece l'offerta di aiuto rivolta a Denis da parte di un'anziana signora di 80 anni che pur di non fargli mancare una possibilità di vita dignitosa nel suo piccolo in pochi giorni ha mosso il mondo: «Questa signora ottantenne ha così preso a cuore Denis che è pronte a mettergli a disposizione la sua taverna di 50 metri quadrati racconta Elena Grossi che in questi giorni non ha mai staccato la spina per gestire le telefonate in arrivo - E siccome ora non c'è il bagno e manca una entrata autonoma, ha già contattato la ditta per eseguire i lavori per sistemare quanto prima l'alloggio. La casa è aperta anche alla cagnolina di Denis. In cambio del vitto e dell'alloggio chiede soltanto un sostegno in caso di bisogno per i piccoli lavori domestici e del giardino». Si è persino adoperata per fare in modo che Denis possa portare con sé il suo vecchio camper trovando per lui un vicino parcheggio gratuito. «Siamo già pronti ad accompagnare Denis a conoscere questa signora e a valutare questa offerta», dice Elena. 

SUPPORTO PSICOLOGICO
Giunge invece da Bolzano la buona volontà di una psicologa, Elena Zucchelli, che offre all'ex imbianchino, gratuitamente, il necessario supporto psicologico. Insieme alla psicologa anche un'avvocatessa sempre di Bolzano si è resa disponibile ad aiutarlo a rialzarsi tendendogli una mano, come già fa nella sua città con le persone che vivono in strada. Ma il tam tam solidale non si ferma e continua a risuonare. Dalla provincia di Torino arriva l'offerta di vitto e alloggio in cambio di un servizio di dog sitter: «Io e la mia compagna da anni ci prendiamo cura di una ventina di cani randagi e vorremmo chiedere a Denis di occuparsi di loro quando noi siamo via tutto il giorno al lavoro propone con un messaggio inviato al Gazzettino da un signore torinese, Paolo Scardini Per questo avevamo accolto un senza dimora di Torino che è rimasto con noi fino allo scorso settembre. L'unica cosa che chiediamo è avere a cuore i nostri amici animali». Da Cimadolmo nella Marca trevigiana arriva invece l'offerta da parte di una signora che si è resa disponibile ad offrire ancora vitto e alloggio oltre a un lavoro come persona di compagnia per l'ex marito ammalato, aiutandolo nelle piccole faccende domestiche. «Vorrei poter offrire un lavoretto di dipintura a Denis, il signore che vive nel camper di via Bissuola», hanno detto in questi giorni in tanti. 

LA COMPAGNIA
La lunga scia di solidarietà non si ferma. C'è chi si rende disponibile a regalargli materiale utile per il camper, chi si offre per andarlo a trovare durante il weekend. Dai condomini della Bissuola la gente è pronta a scendere le scale per portare qualcosa da mangiare o semplicemente per chiedere Come va? a quel vicino di casa in un vecchio camper. Intanto la vita di tutti i giorni senza dimora va avanti nel parcheggio. Con il lusso della stufetta da accendere quando va bene solo di notte. E la doccia di fortuna che riesce a fare in un autogrill della tangenziale che mai gli è stata rifiutata. «Finora da parte del comune non si è mosso nulla -spiega Elena Ma stiamo impazzendo di gioia per rispondere a tutte le telefonate di aiuto ricevute».

Ultimo aggiornamento: 21 Gennaio, 11:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci