Treviso-Ostiglia, così la regina delle ciclabili entra finalmente in città

Venerdì 22 Marzo 2019
4

La Treviso-Ostiglia entra in Treviso. Il più atteso tratto di pista ciclabile del Veneto è pronto. Dopo anni di ritardo, finalmente l'Ultimo Miglio della Treviso-Ostiglia, da via Aeroporto a Treviso città, è di fatto già percorribile, gli operai sono al lavoro per piccole rifiniture solo in tre ristretti punti: il sottopasso della strada regionale, il sottopasso di Viale della Serenissima, il ponticello sul sottopasso ferroviario. Ma sono cantieri di pochi metri, e verranno tolti entro pochi giorni.

L'Ultimo Miglio è proprio di lusso: pavimentazione, rifiniture, illuminazione, sono a livello delle grandi ciclabili europee.

La Treviso-Ostiglia, ormai percorribile da Grisignano a Treviso, attraversando tutta la provincia di Padova, entra nel capoluogo della Marca seguendo il tracciato storico dell'ex ferrovia militare, un meraviglioso rettifilo in pratica, un tratto di penna che univa la Vecchia Stazione di Santi Quaranta, a Treviso, con Ostiglia, il porto sul Po a un trar di sasso da Mantova.

Per imboccarla da Treviso, si esce dalle mura a Porta Santi Quaranta, si fa la ciclabile di Viale Montegrappa, poi si gira a sinistra, sempre su ciclabile, fino al sottopasso ferroviario. Lì originava la linea Treviso-Ostiglia. Usciti dal sottopasso, l'imbocco del nuovo tratto è lì davanti.
 

 

 

Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio, 19:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA