Il sindaco di Tribano bestemmia durante la diretta del consiglio comunale: il video diventa virale, bufera su Cavazzana

Venerdì 30 Luglio 2021
Il sindaco Cavazzana e la seduta del consiglio comunale
9

TRIBANO - La diretta Facebook del Consiglio Comunale non parte, l’assessore non riesce a far funzionare il cellulare del sindaco così il primo cittadino Massimo Cavazzana (Lista civica Sìtribano)si alza e raggiunge il telefono, scoprendo di essere in diretta con il suo profilo privato e non con la pagina istituzionale. Qualche minuto e poi due bestemmie, una dopo l’altra, pronunciate tra sé e sé, a microfono acceso, in diretta streaming sulla sua pagina Facebook “Massimo Cavazzana Sindaco” e il commento di un cittadino che lo invita a non bestemmiare.
Il sindaco allora sospende la registrazione e una volta sistemata l’inquadratura avvia una nuova registrazione della seduta del Consiglio, dimenticando però di eliminare la precedente che diventa subito virale e inizia a girare tra un cellulare e un altro.
Questo è quanto si è registrato ieri sera a Tribano durante una seduta del Consiglio Comunale iniziata alle ore 21 e terminata alle ore 23. «Ieri sera, dopo il Consiglio Comunale, un cittadino mi ha inviato il video con le bestemmie del Sindaco chiedendomi che cosa ne pensassi, dichiara Roberto Bazzarello – capogruppo di opposizione -. La mia risposta è stata di stupore, infatti non avevo visto il video prima che mi fosse inviato.
Durante il Consiglio Comunale la diretta Facebook della seduta non funzionava, il sindaco si è alzato e ha raggiunto l’assessore Nucibella per sistemare il cellulare. Non ho sentito cosa abbia detto, eravamo lontani. Dopo aver visto il video sono rimasto amareggiato: bestemmiare in Consiglio Comunale è una mancanza di rispetto per il luogo istituzionale, è un atto diseducativo nei confronti dei consiglieri ma soprattutto dei cittadini. In un campo di calcio per una bestemmia si viene espulsi. Chiediamo che il sindaco si scusi pubblicamente con tutti i consiglieri e con la cittadinanza oltre che la ferma condanna di tutta la maggioranza da questo grave episodio».

Il video è rimasto online su Facebook tutta la notte ed è stato eliminato stamattina. Troppo tardi, i cittadini lo avevano già salvato e sta girando su WhatsApp.

Ultimo aggiornamento: 31 Luglio, 09:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA