Martedì 6 Novembre 2018, 11:05

«Sci, apertura regolare», ma manca la corrente per skilift, seggiovie e sparaneve

PER APPROFONDIRE: apertura, belluno, maltempo, sci
«Sci, apertura regolare», ma manca la corrente per skilift, seggiovie e sparaneve
Basterà un mese per ripristinare i campi da sci e, soprattutto, per ripristinare l'alimentazione elettrica? Per il ponte dell'Immacolata sarà tutto pronto o ci saranno ancora i generatori che funzionano a gasolio e che non basteranno ad far funzionare skilift, seggiovie e cannoni sparaneve? In Veneto sono tutti convinti che non ci saranno problemi. «Piste e impianti di sci veneti apriranno regolarmente per la stagione invernale», dice il governatore Luca Zaia. E anche il presidente veneto di Anef, l'Associazione nazionale esercenti funiviari, Renzo Minella assicura che tutto sarà in ordine. Peccato che la stessa associazione fornisca un quadro alquanto preoccupante. «La prossima stagione invernale non è a rischio: si scierà perché stiamo reagendo in tempi rapidi all'emergenza. Fortunatamente non abbiamo registrato danni strutturali agli impianti di risalita. I problemi sono relativi alla presenza di materiale sulle piste, che comunque si sta provvedendo a rimuovere», dice Minella che ieri
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Sci, apertura regolare», ma manca la corrente per skilift, seggiovie e sparaneve
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-11-06 11:52:21
Basta pensare allo sci !!! Pensiamo ai poveri immigrati senza casa e lavoro e pure affamati ! Ma che razza di popolo siamo ? Vergognamoci !
2018-11-06 11:29:27
Ci sono gia'altre localita' concorrenzialinazionalied estere che nei comunicati stampa ci tengono a precisare che da loro e'tutto efficiente e pronto, niente danni .Beati loro. 1- da augurare a tutti di rimettersi in sesto,una immacolata nevicata naturale per l'Immacolata .Se cio' non dovesse accadere... 2-da augurare a chi si fa vanto di avere gia' sparato neve sulle piste..una botta di scirocco che la scioglie dalla sera alla mattina.Puro evento naturale gia' accaduto.
2018-11-06 11:14:08
Per chi ha scritto che ci sono cose più importanti del pensare allo sci, rispondo che è vero, ma queste zone vivono di turismo. Vogliamo togliere anche questo? Ricordo che questa gente, fino al secolo scorso, doveva emigrare per vivere. Sono stati i primi a farlo, spero non siano costretti a rifare non le valigie ma il trolley....
2018-11-06 12:15:13
il turismo e' anche uno dei grandi mali del territorio, ovunque...
2018-11-06 16:29:22
E gli sciatori li facciamo alloggiare negli alberghi devastati o nelle case che non ci sono più? Qualcuno ce l'ha fissa con "prima gli italiani", io preferisco "prima i cittadini".