Martedì 3 Settembre 2019, 22:11

Elicottero rifiutato per 3 volte dagli alpinisti: «Mai chiesto i soccorsi, non pago il conto»

L'alpinista spagnolo ha fatto anche i 7mila, non è uno sprovveduto

di Olivia Bonetti

Dietro quello che sta diventando il "caso dell’estate", i due alpinisti spagnoli recuperati sulle Tre Cime dopo aver rifiutato aiuto per 3 volte, ci sarebbe solo un errore di comunicazione. Un malintenso a causa della lingua straniera. E prima ancora l’apprensione naturale di una madre. La donna, che era in ferie col figlio esperto rocciatore, non vedendolo rientrare dalla montagna ha chiamato mezzo mondo chiedendo aiuto. È la spiegazione che dà lui, David Crespo Martinez, 45 anni, taxista di Barcellona, con la grande passione per l’alpinismo. È stato recuperato lunedì pomeriggio, con la compagna Susana Delhom Viana, sulla parete della Cima Ovest di Lavaredo, a 2.750 metri di quota, dall’ennesimo elicottero inviato dal Suem (dopo aver rifiutato tre volte i soccorsi). Ora racconta la sua verità su questa settimana surreale, che lo stesso gestore del Rifugio Auronzo definisce «una telenovela». 
Se non eravate in pericolo perché avete chiamato il 118?
«Ho visto diverse volte l’elicottero, ma non pensavo certo fosse lì per noi. Eravamo tranquilli, nessuno aveva avuto crisi di panico, stavamo solo attendendo che il meteo cambiasse». 
Alcuni vi accusano di essere alpinisti-improvvisati, fai-da-te. Cosa rispondete?
«Ho arrampicato ovunque, conquistato i 7mila sulla catena dell’Himalaya, affrontato pareti nello Utah, in Perù sull’Alpamayo e sulle Tre Cime c’ero già stato. Anche la mia compagna è esperta, ma i tempi per arrampicare per noi si allungano. Lei è sempre seconda in cordata, noi procediamo così. Non affrontiamo le pareti per raggiungere la cima, quella è la ciliegina sulla torta».
Qual era il vostro obiettivo?
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Elicottero rifiutato per 3 volte dagli alpinisti: «Mai chiesto i soccorsi, non pago il conto»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 82 commenti presenti
2019-09-05 14:09:13
Visto che c'eri,perchè non mi hai dato una spiegazione del perchè ci sono andati ben TRE volte,quando gli alpinisti avevano già rifiutato le prime due?
2019-09-04 15:27:16
Ma non si trovavano a penzoloni sulla roccia??? Chi non fa un'arrampicata e attende il cambio meteo a penzoloni sulla roccia...ma che scuse si inventono. E' ovvio che se la madre è allertato il soccorso qualcuno deve pagare..punto.. E' singolare poi che se viene fatto l'intervento, veniamo criticati perchè nessuno aveva richiesto soccorso..se invece non viene "tempestivamente" eseguito (vedi caso francese) allora siamo incompetenti..Comunque la si gira il sistema italiano viene sempre criticato dai professoroni europei....e ovviamente noi permettiamo che ciò accada
2019-09-04 14:25:52
E basta....paga il Veneto....basta pizzicare a caso qualche evasore...ne avete tanti.
2019-09-04 14:58:56
Peccato che gli evasori più grandi siete voi. A Napoli il 50% non paga né tasse né multe, tre su cinque non pagano il biglietto dell’autobus. Il procuratore generale di Napoli Riello:”Qui egemonia culturale dei delinquenti”....e hai il coraggio di starnazzare....
2019-09-05 14:03:31
Uno che percepisce una pensione avendo evitato di lavorare x 30 anni è peggio di un evasore