Domenica 9 Dicembre 2018, 21:43

Quei partigiani uccisi in piazza nel 1944. «I corpi e quell’urlo indimenticabile»

PER APPROFONDIRE: anpi, fascisti, partigiani
Un’immagine d’archivio di uno dei raduni Anpi dell’11 dicembre a Mirano, per ricordare l’uccisione dei partigiani

di Francesco Marcuglia

Undici dicembre 1944. Data funesta per Mirano. Un epilogo luttuoso, con i corpi di sei giovani partigiani collocati ai margini dell’ellisse della piazza principale, quella storica. Partigiani vittime di tradimento, quindi catturati e, dopo pseudo processo e relative condanne a morte appunto per tradimento, passati per le armi da parte delle cosiddette e temutissime “Camicie Nere” con sede alla Casa del Fascio. Le salme esposte nella giornata di mercato, per essere di mònito alla popolazione tutta. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Quei partigiani uccisi in piazza nel 1944. «I corpi e quell’urlo indimenticabile»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2018-12-11 10:33:40
perche lei c'era? A me sembra che il loro sacrificio (i loro attentati) ha causato le ritorsioni nazifasciste con relative stragi. Se oggi siamo liberi e democratici, caro il mio vircingetorige, lo dobbiamo al fatto che siamo stati liberati dagli angloamericani e non dai russi, Ci rifletta
2018-12-11 10:25:47
Perché viene boicottato il film ROSSO ISTRIA che parla delle foibe e di Norma Cossetto oppure un paio di anni fa il film IL SEGRETO DI ITALIA di Bellucco sulla strage di Codevigo, avvenuta a guerra finita. O quella do Oderzo... I fratelli Govoni ecc. I nostri genitori c’erano ce lo raccontavano, ed è verità meditate gente. Spero nella pubblicazione.
2018-12-10 18:24:37
Facevano quel che dovevano fare penso.... Sparare in borghese a chi invece era in uniforme. Ci dovrebbe essere una differenza sostanziale fra le due condizioni, che ai più sembra sfuggire, però, a quanto pare.
2018-12-11 11:36:27
Si arriva poi ad inserire caduti scomodi tra le fila di chi ti aggrada. Norma Cossetto (studentessa universitaria) viene citata assieme ai PARTIGIANI nella lapide che è al Bo a Padova, sulla destra mi pare quando si entra. Nella realtà venne stuprata e uccisa dai partigiani stessi. In un veloce cambiamento di fronte i nazifascisti catturarono i responsabili, e li rinchiusero per la notte proprio nel locale dove era la salma straziata di Norma. Al mattino dopo si racconta che erano impazziti. Ciò non li salvò comunque dall'esecuzione.
2018-12-11 11:07:16
Di più. La loro attività fu assolutamente irrilevante dal punto di vista militare. Fu utile però ad incattivire le parti, trasformando il tutto in una guerra civile. Che altrimenti non ci sarebbe stata. Per mutuo accordo infatti l'Esercito del Sud mai si scontrò direttamente con quello del Nord (RSI). Mi raccontavano infatti i reduci RSI che quello che li indignava maggiormente era l'azione vile e subdola portata avanti NON da militari in uniforme, con cui si supponeva tu potessi combattere "alla pari", ma da gente in borghese che si dissimulava tra la popolazione civile. Poteva spararti alle spalle un vicino di casa, un conoscente, un amico di infanzia. Di qui le reazioni spesso scomposte di fascisti esasperati. Confermatemi da vecchi combattenti della Repubblica che non esitavano affatto nel sottolineare la pessima fama che avevano avuto ad esempio le Brigate Nere. Che altro non erano che le Federazioni del Fascio militarizzate.