Napoli, nuova aggressione per Brumotti e la troupe di "Striscia": nella gang anche un bambino

Nuova aggressione per Brumotti e la troupe di "Striscia": nella gang anche un bambino
Ieri sera a Striscia la notizia su Canale 5 il servizio sull'aggressione subita da Vittorio Brumotti e la sua troupe in provincia di Napoli». Una nota della redazione della trasmissione riporta. «Verso le 15 di giovedì l'inviato e i suoi collaboratori si trovavano al Parco Verde di Caivano per documentare lo spaccio di droga che da tempo ha in parte abbandonato l'area del Rione Scampia per trasferirsi in questa cittadina a nord di Napoli. Per la prima volta una troupe televisiva ha documentato questo nuovo traffico esercitato in maniera molto organizzata e violenta da una banda di camorristi».

Ma, fa sapere una nota, «l'inviato di Striscia e la sua squadra non hanno nemmeno fatto in tempo a scendere dall'auto blindata, che sono stati circondati da 7-8 persone (tra cui un bambino) incappucciate che hanno cercato di aprire le portiere, minacciandoli di morte».



«Falliti i tentativi di aprire l'auto, i delinquenti hanno impugnato bastoni e una sedia con cui hanno sfasciato la carrozzeria e cercato di rompere i vetri, che per fortuna hanno resistito. Solo l'intervento dei carabinieri ha interrotto la violenta aggressione, ma gli agenti non sono riusciti a fermare nessuno dei camorristi. Intanto dalle finestre dei palazzi intorno continuavano ad arrivare insulti e minacce di morte nei confronti dell'inviato del Tg satirico e dei suoi collaboratori».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 11 Gennaio 2018, 18:13






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Napoli, nuova aggressione per Brumotti e la troupe di "Striscia": nella gang anche un bambino
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2018-01-13 15:20:00
Invece a Roma Bologna Genova Milane e Padova ( ancora manca Mestre) è stato accolto con mazzetti di fiorellini ......
2018-01-13 13:48:59
Ho conosciuto un napoletano che ha fatto armi e bagagli e con la moglie e i suoi due figli è venuto in Veneto. Ha ric0struito così la sua esistenza, mi raccontava che quando faceva, assieme a sua moglie, un giro in bicicletta, gli sembrava di essere arrivato in Paradiso. Credo che ai napoletani perbene non rimanga altro da fare.
2018-01-13 19:07:16
Il settimo mi piace è mio.
2018-01-13 09:17:04
Noto che tutta l'attenzione del governo e dei media è focalizzata su Roma , spelacchio e la messa in piega della Raggi . Mentre quello che ci fa apparire come un paese da terzo mondo viene messo sotto il tappeto come la polvere .
2018-01-13 07:38:16
Farebbe meglio a stanare quanti usano il telefonino al volante in maniera plateale...o non tengono le cinture allacciate o i bambini su sedile omologato. L'altra campagna antidroga...va fatta da professionisti, gli spacciatori di strada sono l'ultimo anello della catena.Anche se li arrestano, il flusso trova rapidamente altri canali spacciatori. .