Reclutavano ragazze in chat per massaggi a luci rosse: arrestate due persone, sequestrati due centri e 720mila euro

Martedì 28 Novembre 2023 di Redazione web
Reclutavano ragazze in chat per massaggi a luci rosse: chiusi due centri, arrestate due persone e sequestrati 720mila euro

SAN DONA' DI PIAVE - Reclutavano ragazze in chat per massaggi a luci rosse: arrestate due persone, sequestrati due centri e 720mila euro. Due centri massaggi "a luci rosse", a Musile di Piave e a Oderzo, sono stati sequestrati dai finanzieri del comando provinciale della guardia di finanza di Venezia che, su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Venezia e sulla base delle misure emesse dal gip, hanno eseguito gli arresti domiciliari nei confronti di due persone, un italiano e una cinese.

Le indagini sono partite dagli accertamenti della compagnia di San Donà di Piave sui due centri, ritenuti in realtà dagli investigatori case di appuntamento.

Secondo quanto emerso dalle indagini, le ragazze venivano reclutate tramite la piattaforma cinese WeChat e e il servizio veniva pubblicizzato in rete su un sito web dedicato. Il gip Tribunale di Venezia ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari per i due gestori, accusati di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione e il sequestro preventivo dei centri massaggi e di disponibilità finanziarie per 720mila euro. Nel centro massaggi di Oderzo sono stati sorpresi due clienti italiani e tre ragazze, risultate irregolari sul territorio nazionale e segnalate all'autorità giudiziaria per ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato.

Ultimo aggiornamento: 13:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci