Bufera su Occhipinti: «L'ex killer della Uno bianca gestisce il call center dell'ospedale»

Domenica 27 Agosto 2017
Marino Occhipinti
54

MESTRE - Torna a far discutere Marino Occhipinti, l'ex poliziotto condannato all'ergastolo per l'omicidio della guardia giurata Carlo Beccari nell'assalto a un portavalori alla Coop di Casalecchio di Reno (Bologna), nella scia di sangue sparsa tra Emilia-Romagna e Marche dalla Banda della Uno Bianca a cavallo tra gli anni '80 e '90. Dopo le critiche per la sua vacanza in un lussuoso hotel, Occhipinti, in semilibertà al carcere Due Palazzi di Padova, ripiomba nella bufera per la sua attività «di tutto prestigio e responsabilità» all'ospedale dell'Angelo di Mestre.

LEGGI ANCHE Banda della Uno bianca, vacanza premio nelll'hotel di lusso al killer

In una lettera inviata a ministro, prefetto e direttore generale dell'Ulss 3, Luigi Corò, presidente del Comitato Marco Polo a difesa del cittadino, sottolinea che Occhipinti sarebbe «responsabile del personale della Cooperativa Giotto la quale ha in gestione il callcenter, infopoint, centro prenotazioni e portineria».

Ultimo aggiornamento: 28 Agosto, 12:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA