Sabato 19 Ottobre 2019, 20:47

Maniero, lacrime di un uomo fragile: «Non arrestatemi, per mia figlia»

Maniero, lacrime di un uomo fragile:
«Non arrestatemi, per mia figlia»

di Maurizio Dianese

Assassino, sì; rapinatore, anche; spacciatore, di sicuro. Cattivo, feroce, determinato, spietato: ma picchiatore di donne? Felice Maniero che alza le mani su Marta Bisello e che piange quando lo ammanettano? Siamo sicuri che sia lo stesso Felice Maniero che dal 1980 al 1995 ha messo in piedi e diretto con pugno di ferro e a pistolettate una banda di quasi 500 “soldati” che ogni giorno e ogni notte metteva a segno decine di colpi, mentre inondava di cocaina ed eroina le discoteche e le case, le fabbriche e i bar di tutto il...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Maniero, lacrime di un uomo fragile: «Non arrestatemi, per mia figlia»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2019-10-20 15:48:11
Un uomo piagnone quando gli fa gioco,spietato nei riguardi degli altri,
2019-10-20 13:57:19
Un criminale che piange !!?? eeee chi se ne Fr......
2019-10-20 13:52:15
Mah...mi sembra strano. Non è che in carcere si senta più sicuro visto che sono usciti tutti i suoi ex compagni e che questi hanno giurato vendetta?
2019-10-20 13:51:18
Uomo fragile chi?????? In galera finche' vengo io a tirarlo fuori, altro che lacrime.....
2019-10-20 13:17:07
la sua preoccupazione è che arrivi la mafia ma ci saranno i nostri poliziotti a salvarlo