Squillo di lusso per i clienti dell'azienda: ora tremano oltre duecento professionisti

Domenica 19 Gennaio 2020 di Nicola Munaro
l'Arabesque di San Donà
9

VENEZIA - Alcuni clienti verranno ascoltati nei prossimi giorni per mettere la ceralacca sul giro di escort scoperto dalla squadra Mobile di Venezia, coordinata dal dirigente Giorgio Di Munno, nei club di San Donà e Quarto d’Altino, l’Arabesque e il Game Over. Altri, sempre clienti affezionati, sono già stati ascoltati prima del blitz che venerdì mattina ha portato in carcere gli organizzatori e gestori delle due case a luci rosse: più che preoccupati per il risvolto giuridico (nessuno di loro ha commesso reato, ndr) si sono mostrati tesi per la propria vita privata, quasi tutti hanno mogli o compagne stabili e all’oscuro di ogni cosa.

LE "BELLEZZE LOCALI" Escort a Chioggia, due ragazze riconosciute sul sito di incontri

Escort per clienti fidati nell'azienda del sesso: 50 ragazze sempre a disposizione

In tutto sono circa duecento gli uomini che hanno bussato alle porte dei locali di San Donà e Quarto D’Altino da marzo a oggi, da quando cioè l’Arabesque e il Game Over sono finiti nel mirino della procura e dell’inchiesta coordinata dal sostituto Federica Baccaglini aperta per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Perché quelli che dovevano essere dei club con (al massimo) lap dance e spogliarelli, in realtà erano luoghi nei quali il sesso era a pagamento. A carissimo prezzo e per una clientela che andava dal ragazzino alle prime armi, disposto a pagare fino a 150 euro per una prestazione all’interno dei locali, fino ai 1.500 pagati da imprenditori e professionisti del Veneto e del Friuli Venezia Giulia. Per quel prezzo le ragazze venivano ospitate a casa del cliente e passavano da lui l’intera notte. Chi sceglieva una via di mezzo - ma era il target minore - si assicurava una notte di passione in hotel, versando dai 350 ai 500 euro ai gestori dei due club.

Fino a 1.500 euro per una ragazza dei night club Arabesque e Game-over

I PAGAMENTI CON IL POS
Pagare con la carta era l’ultima frontiera dell’innovazione trovata da parte dei gestori dei locali ed era riservata soltanto ai clienti più facoltosi, quelli che chiamavano anche giorni prima e si prenotavano - al sicuro nelle proprie mura di casa - una notte di sesso. A portare le ragazze a casa dei clienti era un autista dei locali ed era sempre lui a riscuotere con il Pos portatile la somma di 1.500 euro che veniva accreditata sul conto dei locali e da qui stornata: alle ragazze rimanevano quote dal 50 al 60% a prestazione, permettendosi così anche uno stipendio con punte da 7/8 mila euro al mese. Poi, era compito del cliente riaccompagnarla a casa la mattina successiva, con la propria auto. Un sistema che riguardava i clienti più facoltosi e quindi anche quelli più affezionati, dei quali i gestori dei due club non avevano agende, ma numeri registrati nella rubrica dei propri cellulari, intercettati dalla Mobile quando serviva soltanto la prova regina.

CINQUANTA RAGAZZE
E loro, i due fratelli di Jesolo, Matteo e Federico Vendramello, 40 e 44 anni, entrambi in carcere; Michaela Hobila, romena di 35 anni, addetta alla logistica per le giovani prostitute; Lorenzo Borga, 70 anni di San Donà e Ugo Bozza, 66 anni di Portogruaro (tutti e tre ai domiciliari) ai cellulari parlavano senza paura di essere ascoltati. Dicevano chiaramente alle ragazze - una cinquantina regolarmente assunte ma, sulla carta, con altre mansioni - chi le aveva contattate e con chi avrebbero dovuto passare la notte, ricevendo anche dei rifiuti se quel cliente non andava. I cinque verranno interrogati lunedì.

IL BUSINESS
Il fatturato dei due locali era aumentato negli ultimi mesi grazie alla chiusura di alcuni locali in Slovenia: la cosa aveva portato quel tipo di clientela, soprattutto del Veneto Orientale e del Friuli Venezia Giulia, a spostarsi su San Donà e Quarto. Almeno fino al blitz di venerdì.

Sesso nel centro massaggi: cellulari al setaccio

Ultimo aggiornamento: 20 Gennaio, 11:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci