Escursione solitaria, vola nel crepaccio: medico operato d'urgenza

Mercoledì 14 Settembre 2022 di Mauro Favaro
Roberto Gava il medico non vax radiato
4

CASTELFRANCO - Brutto incidente in montagna per Roberto Gava, il professionista diventato negli anni un punto di riferimento per la galassia No-Vax, radiato dall'Ordine dei medici di Treviso. Gava, 65 anni, è caduto mentre stava tornando da un'escursione in solitaria.

IL VOLO
Un volo di una decina di metri che gli ha causato 15 fratture, anche alle vertebre. Fortunatamente è riuscito a fermarsi, scongiurando il rischio di cadere in un crepaccio, e poi ha chiamato il soccorso alpino. Dopo il trasferimento in ospedale a bordo dell'elicottero, è stato operato per cercare di limitare i danni. E' stato lo stesso Gava a raccontare l'accaduto attraverso la newsletter, i messaggi inviati in modo periodico a chi lo segue su internet. Solamente su Facebook conta quasi 85mila follower. «Nelle scorse settimane ho avuto un brutto incidente. Sono andato a fare un'escursione in solitaria e nello scendere sono caduto spiega sono atterrato su una terrazzina di roccia, che fortunatamente mi ha salvato la vita impedendomi di cadere 200 metri più sotto». E' finita così l'uscita che l'aveva visto camminare da solo per sette ore, affrontando un dislivello complessivo di 1.200 metri.

LA CHIAMATA

«La caduta mi ha causato una quindicina di fratture - continua - la provvidenza ha disposto che riuscissi a chiamare il soccorso alpino». Questo nonostante il cellulare si fosse danneggiato proprio nell'incidente. In poco tempo Gava è stato così geolocalizzato. Di pari passo è intervenuto l'elisoccorso, che l'ha trasferito in ospedale, dove è finito subito sotto ai ferri. A causa di alcune fratture vertebrali, ora dovrà tenere il collare per alcuni mesi. Ma il peggio sembra passato. «Sto riprendendo a muovermi con una certa autonomia per ritornare operativo il prima possibile». Prima della pensione, Roberto Gava ha lavorato per anni come specialista ambulatoriale interno per l'Usl della Marca nel settore della Cardiologia dell'ospedale di Castelfranco. E parallelamente ha portato avanti la propria attività nel suo studio privato di Padova. Dopo la radiazione decisa dall'Ordine dei medici di Treviso il 21 aprile del 2017, un paio di anni fa è arrivato il timbro anche della commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie (Cceps) del ministero della Salute, che ha respinto il ricorso che lo stesso Gava aveva presentato contro la radiazione per le sue posizioni critiche in merito ai vaccini.

 

Ultimo aggiornamento: 15:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci