Giovedì 9 Agosto 2018, 21:06

Maria, morta a 5 giorni dal parto: medici e infermieri dallo psicologo

PER APPROFONDIRE: mamma, medici, morta, psicologo, setticemia, treviso
Maria Buso, la mamma di 39 anni morta cinque giorni dopo aver dato alla luce i suoi gemellini

di Lina Paronetto

TREVISO - Un incontro con lo psicologo per superare lo shock che ha colpito medici e infermieri. Mentre la famiglia di Maria Buso, la mamma di 39 anni morta cinque giorni dopo aver dato alla luce i suoi gemellini, cerca di affrontare lo strazio per una tragedia immensa, inaspettata, il personale dei reparti di Ostetricia - Ginecologia e Rianimazione dell’ospedale Ca’ Foncello, provato da un caso che li ha colpiti nel profondo, chiede aiuto a uno specialista per rielaborare quello che è successo e riacquistare almeno un po’ di serenità. Maria si è spenta mercoledì: quando la fine si avvicinava, le operatrici del Nido non le hanno portato in camera i suoi figli, Alice e Filippo, per allattarli, come si fa gioiosamente con le neo mamme. Glieli hanno portati perchè potesse averli accanto mentre si spegneva. E questo non può che devastare chi ogni giorno lavora per far sbocciare la vita.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Maria, morta a 5 giorni dal parto: medici e infermieri dallo psicologo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-08-11 11:02:38
Non c'è niente da fare o da arrabbiarsi, purtroppo il parto è sempre un rischio ed un evento gioioso può trasformarsi in una orribile dolorosa tragedia!
2018-08-10 13:15:38
Qui bisogna andare a fondo e capire cosa è a caduto. Lo psicologo non c’entra nulla anzi sa di presa in giro
2018-08-10 09:14:22
Medici e infermieri dallo psicologo? Cos'e una boutade?
2018-08-10 14:10:25
Come al solito Lei non ci risparmia mai...non va in ferie?
2018-08-10 07:25:48
So di essere cattivo, tanto cattivo, ma mi sorprende lo shock del personale per questo evento avverso. Tempo fa ero a ostetricia in un diverso ospedale del Veneto. Accorre un padre gasatissimo per la nascita del figlio e il medico e un'infermiera - secchi e taglienti come una lama - gli dicono: "Non riusciamo a salvarlo: vuole provvedere lei al battesimo o ci pensiamo noi?" L'uomo si accascia su una sedia, come un sacco di patate. Potrei anche datare - credo - l'episodio.