Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Maleducati in corsia, infermieri e medici rischiano il licenziamento

Venerdì 10 Febbraio 2017 di Mauro Favaro
L'ospedale di Treviso
10

TREVISO - Controlli serrati contro i furbetti del cartellino. Ma non solo. Nella nuova Usl della Marca rischiano sanzioni, fino anche al licenziamento, pure i dipendenti che trattano in modo sgarbato pazienti e familiari. Tre operatori della Geriatria sono già stati richiamati dalla direzione dopo una serie di segnalazioni da parte dei cittadini. Sul fronte dell’umanizzazione delle cure non si transige. Vale per tutti: medici, infermieri, impiegati e operatori. Sorrisi d’ordinanza e cortesia rappresentano il minimo sindacale. 
«Con la riforma Madia chi sgarra rischia il licenziamento. Ed è giusto, se non altro per rispetto nei confronti di chi fa bene il proprio lavoro – sottolinea Francesco Benazzi, direttore generale dell’Usl – sappiamo che non è sempre semplice avere il sorriso stampato in faccia. Ma i problemi di altra natura vanno tenuti fuori dal lavoro. Il nostro è un servizio alle persone che stanno male. Non va mai dimenticato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci