Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Contro gli incendi arriva il drone solare, creato da un'azienda di Mogliano Veneto

Si chiama "FireHound Zerò" ed è stato sviluppato da due aziende hi-tech italiane: la Npc di Imola (Bologna) e la Vector Robotics del trevigiano

Lunedì 8 Agosto 2022
Un drone generico. Ora arriva anche quello che controlla gli incendi

TREVISO - La Vector Robotics di Mogliano Veneto è una delle aziende che rileva tempestivamente incendi o anche piccoli focolai. Si chiama "Fire Hound Zerò", è un drone solare che sembra un piccolo aeroplano. Ha delle celle fotovoltaiche collocate sulle ali di giorno e può volare autonomamente senza sosta per oltre 8 ore. Un dispositivo che riesce a monitorare superfici di circa 500 ettari all'ora con un sofisticato sensore all'infrarosso fornendo alla centrale di controllo le coordinate precise di roghi anche di ridotte dimensioni, addirittura 30-40 centimetri di diametro, come un falò di campeggiatori, prima che l'incendio divampi e causi danni irreparabili. 

I dati degli incendi

Nel 2021, secondo i dati della piattaforma europea Effis, in tutta Italia sono andati in fumo oltre 1.500 chilometri quadrati di boschi e foreste, spesso in incendi di grandi dimensioni che, se fossero stati individuati per tempo, avrebbero potuto essere circoscritti efficacemente. Una flotta di questi piccoli droni, dunque, potrebbe garantire la copertura continuativa di ampie aree di territorio a rischio, fornendo un allarme rapido e preciso in caso di focolai accidentali o anche di azioni di piromani e favorendo l'intervento tempestivo delle forze antincendio.  Il drone 'FireHound Zerò (che significa letteralmente 'segugio del fuocò ed è denominato anche 'FH-0') è stato sviluppato da due aziende hi-tech italiane: la Npc di Imola (Bologna), specializzata nel settore metalmeccanico e nella produzione di microsatelliti per impieghi scientifici e commerciali, e la Vector Robotics di Mogliano Veneto, specializzata nella progettazione e produzione di droni innovativi a propulsione solare per l'impiego anche in missioni di esplorazione spaziale

Ultimo aggiornamento: 14:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci