Pugno in faccia a Vendrame mentre si allena in bici: l'automobilista si costituisce

Venerdì 25 Dicembre 2020 di Tina Ruggeri
Pugno in faccia a Vendrame mentre si allena in bici: l'automobilista si costituisce
12

TREVISO Martedì pomeriggio l'automobilista che la mattina precedente aveva sferrato un pugno in faccia al 26enne professionista Andrea Vendrame mentre si allenava sulle strade di casa, si è recato spontaneamente dai carabinieri. Contro di lui sarà presentata una denuncia per aggressione, percosse e lesioni. Nelle stesse ore anche un testimone oculare si è presentato alle forze dell'ordine. Pure lui di Santa Lucia di Piave come Vendrame, dopo aver letto l'articolo del Gazzettino ha cercato il corridore della Ag2r e lo ha contattato attraverso la pagina del gruppo ciclistico Santa Lucia, offrendo la propria collaborazione.


«Aggressione con la volontà di procurare lesioni personali anche gravi e omissione di soccorso - argomenta l'avvocato milanese Federico Balconi, legale di Vendrame -. Questo il nodo sul quale verte la querela depositata ai carabinieri di Conegliano. La pena per l'aggressione è pesante: fino a 3 anni con la condizionale, se patteggerà anche meno. La gente deve capire che non si può più scherzare per strada, mettendo a repentaglio la vita delle persone che si muovono in bici per lavoro o per piacere. Si parla di mobilità lenta e sostenibile e poi penalizziamo chi si sposta su due ruote anche per motivi ecologici? Io penso ad Andrea e al rischio che ha corso: questo ragazzo si stava allenando e i suoi strumenti di lavoro sono la bicicletta e la strada. Lo sorpassa un automobilista, lo blocca e lo prende a pugni. Se Andrea fosse caduto a terra, finendo in centro strada e in quel momento un'altra auto lo avesse travolto, cosa sarebbe potuto accadere?».

L'avvocato Balconi, promotore del gruppo no-profit Zerosbatti, nata per dare tutela legale a chi va in bici sottolinea: «Ci deve essere rispetto nei confronti di chi frequenta la strada, che è di tutti e ha regole chiare. E' fondamentale sensibilizzare le persone invitandole a testimoniare quando assistono a fatti di cronaca stradale. Sono fondamentali per ricostruire la dinamica. Andrea è stato pronto a filmare per brevi istanti l'automobilista, impegnato in una pericolosa inversione a U, a conferma del fatto che l'uomo cercava di fuggire dopo il gesto violento. In questi casi è meglio non agire, rivolgersi ad avvocati, forze dell'ordine e in caso di lesioni personali, come accaduto al mio assistito, anche al pronto soccorso. La testimonianza, ribadisco, è un dovere civico e civile, bisogna dimostrarsi responsabili e mettersi a disposizione, come ha fatto il testimone di questa vicenda. Anche perché oggi può accadere a me, domani può capitare a te».


Per Vendrame è il secondo episodio in quattro anni. Nel 2016, mentre si allenava a Colle Umberto, una macchina gli tagliò la strada. Finì con la testa nel finestrino. Seguirono numerosi interventi al volto: «Ho sempre la barba per nascondere le cicatrici e ho ancora piccoli frammenti di vetro nel volto».
 

Ultimo aggiornamento: 15:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA