Zaia scrive al ministro Del Rio: «Riconsiderare la chiusura dei passi»

PER APPROFONDIRE: chiusura, del rio, passi, zaia
Zaia scrive al ministro Del Rio: «Riconsiderare la chiusura dei passi»
VENEZIA - Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia non ci sta e ribadisce con una lettera inviata al ministro Graziano Delrio la sua contrarietà all'iniziativa di chiusura del Passo Sella, «che le Province autonome di Trento e Bolzano hanno programmato a luglio e agosto». «Sul piano del metodo - scrive Zaia - ritengo sia sempre doveroso attenersi a corrette ed equilibrate relazioni istituzionali fra enti territoriali, specialmente se interessati a problemi comuni, rifuggendo all'assunzione di decisioni unilaterali». Precisando di ritenere che: «iniziative di tal genere debbano necessariamente coinvolgere anche i territori confinanti e nello specifico Regione Veneto e Provincia di Belluno».

Zaia evidenzia «con forza» a Delrio: «gli impatti negativi che iniziative preclusive del diritto alla mobilità come questa, non programmate strategicamente su basi più ampie e condivise, possono avere sull'economia turistica delle aree montane», dato che: «l'indotto generato da questo settore, specialmente nel periodo estivo, costituisce un elemento vitale per la sopravvivenza di interi comprensori montani, che proprio sul turismo fondano il loro sostentamento, combattendo così lo spopolamento ormai in atto da decenni». Garantendo da subito la massima disponibilità e collaborazione della Regione Veneto, Zaia invita Delrio «a riconsiderare l'intera questione e a valutare e promuovere opportune iniziative alternative in un quadro di sostenibilità che non penalizzi le popolazioni locali».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 6 Luglio 2017, 17:45






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Zaia scrive al ministro Del Rio: «Riconsiderare la chiusura dei passi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 28 commenti presenti
2018-07-23 14:03:43
Non sacrificare il tirismo. Non ce'e' niente da fare.Schei, schei, schei. In piccolo quello che da anni sta succedendo a Venezia grazie a politici felloni.
2017-07-07 09:09:50
Sono concorde sul fatto che le regioni a statuto autonomo non dovrebbero più esistere e probabilmente dovrebbero essere eliminate tutte le regioni, ma questa polemica sulla chiusura del passo Sella non ha senso perché è interamente in territorio delle provincie di TN e BZ e non impedisce in alcun modo l'arrivo ad Arabba località veneta più vicina. Chi arriva dalla Val di Fassa percorre il Pordoi e per chi proviene dalla Val Gardena è sicuramente più semplice fare il Gardena e il Campolongo.
2017-07-07 08:46:57
L'osceno populismo di zaia che vuole comandare dove sono più intelligenti di lui..Zai in nome del' autonomia da lui cercata da sempre taccia e cominci a ragionare decentemente. Cominci a pensare ad una montagna pulita da smog e rumori.. Altrimenti vada a vinificare
2017-07-07 12:17:32
Il guaio è che lo fanno con soldi non loro! Quanto poi alla montagna che sogni o trovi mezzi di trasporto credibili magari il teletrasporto o sarà inevitabilmente deserta. Amo profondamente la montagna e odio chi ne abusa ma il tuo cimitero non mi piace propio per niente. Spiace dirlo ma senza turisti la montagna si spopola completamente. Evitiamo magari quelli più fastidiosi.
2017-07-09 09:22:55
Forse lei viene finanziato da agip ?Si può coniugare rispetto ambientale ed economia.Lei ha il grosso problema di intendere l' economia prima dell'ambiente. Milioni di auto valgono la felcità dei ristoratori non dell' ambiente. Logico che i ristoratori ci sguazzano. Con lei in giro...