Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'ex sindaca Corradin in lacrime: «Espulsa dagli uffici, Boron ha dato ordine di non farmi entrare»

Presentata un'interrogazione. L'attuale primo cittadino risponde: «Risponderò entro trenta giorni e per iscritto»

Giovedì 22 Settembre 2022 di Giovanni Brunoro
Claudia Corradin, ex sindaco di Merlara, denuncia: non mi fanno accedere agli uffici del municipio

MERLARA - «Non posso più entrare in municipio, il sindaco Boron mi ha messo alla porta». In lacrime, l'ex sindaco di Merlara Claudia Corradin lamenta di non poter più accedere agli uffici comunali da agosto, quando le sarebbe stato proibito l'accesso alle stanze che nei suoi due mandati ha frequentato assiduamente.
La vicenda è stata descritta in un'interrogazione che la prof - capogruppo della civica Merlara bene comune - ha protocollato in comune a inizio settimana. Il primo agosto, Corradin si è recata previo appuntamento all'ufficio anagrafe per monitorare l'andamento di una pratica avviata quando era ancora sindaco, una questione squisitamente burocratica e non politica. «Il responsabile dell'area mi ha invitato ad accomodarmi - racconta - L'assistente sociale non c'era e così mi sono accordata per tornare il giorno successivo». All'indomani, però, l'amara sorpresa: «Lo stesso responsabile, che conosco benissimo, mi ha riferito di aver ricevuto ordine dal sindaco di non farmi entrare, perché sono un cittadino come gli altri e devo rivolgermi allo sportello».

Ma la leader della minoranza non ci sta e chiede che nei suoi confronti «sia fatta valere la normativa che mi permette di andare negli uffici con serenità, nel rispetto delle prerogative di ognuno e, soprattutto, di chi lavora». Per una pasionaria come la Corradin, trattenere la commozione è difficile: «Da quando non sono più sindaco, faccio la vita di sempre, come cittadino e consigliere che ha i propri diritti. Ho sempre avuto rispetto di tutti, in dieci anni non ho mai impedito all'opposizione di accedere agli uffici e avrei preferito che il sindaco mi avesse chiamato per un confronto, comunicandomi i motivi di questa decisione senza ricorrere alle interposte persone». Dal canto suo, il sindaco Daniele Boron non intende sbilanciarsi in questa fase: «Posso rispondere a questa interrogazione entro 30 giorni ed esporrò la mia replica per iscritto». Restano ancora ignoti i motivi per cui la prof non sia più gradita ospite.

L'interrogazione presentata dall'ex sindaca Corradin

 

Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 10:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci