Mercoledì 10 Luglio 2019, 23:20

Granfondo: l'ombra del doping. Controllo a sorpresa fatale a Enrico Zen

PER APPROFONDIRE: doping, feltre, granfondo sportful
L'arrivo vittorioso di Enrico Zen in piazza Maggiore a Feltre

di Maurizio Ferin

Che sia stata un’ingenuità - nella migliore delle ipotesi - o una furbata, un’infiltrazione al ginocchio rischia di lasciare un segno profondo sulla storica venticinquesima edizione della Granfondo ciclistica di Feltre. Il vincitore del percorso lungo, Enrico Zen, è stato infatti trovato positivo in seguito ai controlli a sorpresa effettuati dalla Nado (derivazione diretta della Wada, massima autorità mondiale nella lotta contro il doping) al palaghiaccio Drio le Rive. Bassanese, classe 1986, una carriera tra dilettanti e professionisti (due stagioni ai massimi livelli), Zen ha ammesso che tutto nasce proprio dall’infiltrazione «che ho fatto pochi giorni prima della corsa. Avevo un problema al ginocchio, non riuscivo a farmelo passare né con pomate, né con antinfiammatori per uso orale, né con gli impacchi».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Granfondo: l'ombra del doping. Controllo a sorpresa fatale a Enrico Zen
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-07-15 23:10:14
Lasciamo perdere dai. Andiamo a vedere di cosa si era infiltrato