Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Calenda rompe col Pd, i Radicali restano. Letta: «Così aiuta la destra»

Le notizie della giornata politica in vista del voto del 25 settembre

Domenica 7 Agosto 2022
Elezioni politiche 2022, la diretta. Il dubbio di Calenda: confermare l'accordo con Letta o correre da solo. Oggi in tv ospite di Lucia Annunziata
8

Elezioni politiche, è il giorno di Carlo Calenda. Perché il leader di Azione oggi dovrebbe rompere il silenzio dopo l'accordo siglato da Letta con Fratoianni, Bonelli, Di Maio e Tabacci. Il centrosinistra è ancora nel caos: mercoledì scorso era arrivata la stretta di mano tra Calenda e il segretario del Pd ma dopo l'accordo con dei leader che hanno ostacolato Draghi, l'impegno di Calenda è in bilico. 

«Voglio proprio vedere a questo punto come fa Calenda a rompere. Sarebbe assurdo e irresponsabile». Enrico Letta, ieri sera, si era mostrato ottimista. Non crede che il leader di Azione oggi possa annunciare, quattro giorni dopo averla siglata, la fine dell’intesa con il Pd. Eppure, Carlo Calenda dai suoi viene descritto «tormentato». In dubbio davanti a «un bivio drammatico». Confermare il patto elettorale con Letta in nome della «difesa della Costituzione», come invoca il segretario dem e gli suggeriscono Emma Bonino e Benedetto Della Vedova di +Europa. Oppure, «mandare tutti al diavolo e correre da solo, perché io Fratoianni siamo incompatibili». La riserva, il leader di Azione, la scioglierà oggi in tv, quando sarà ospite di Lucia Annunziata su Rai3, a Mezz'ora in più.

Elezioni politiche 2022, la diretta

Ore 13.20 - «La Segreteria di +Europa ribadisce il forte apprezzamento per il patto sottoscritto martedì scorso dalla Federazione +Europa/Azione con il Partito Democratico. In particolare la Segreteria apprezza le parole usate ieri dal Segretario del PD Enrico Letta, che ha ribadito come il patto tra PD e Federazione +Europa/Azione sia un accordo di governo fondato sull'agenda Draghi e sulla collocazione europea e atlantica del nostro Paese, mentre gli accordi con altre liste siano accordi elettorali, finalizzati a non consegnare la vittoria a tavolino dell'alleanza guidata da Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Enrico Letta inoltre ha escluso qualsiasi tentazione di riapertura al M5S di Conte. Se dovessero emergere nuovi elementi di valutazione sul patto, la Direzione di +Europa si riunirà per discuterne e assumere decisioni». È quanto si legge in una nota.

Ore 12.55 - «Sono qui per dirvi che ho deciso di mettermi a disposizione della comunità del Movimento 5 Stelle e del progetto di Giuseppe Conte, candidandomi alle prossime elezioni politiche». Così Chiara Appendino, ex sindaca di Torino, in un post su Instagram. «Il Movimento - aggiunge - è la mia casa politica e sono orgogliosa di farne parte. E quando sei parte di qualcosa devi avere il coraggio di metterti in gioco, anche nei momenti più difficili. Giustizia sociale, crisi economica e ambientale, diritti e donne, lavoro, giovani e precariato - prosegue - sono i temi principali per i quali continuerò a battermi insieme al Movimento. Con la forza dell'unico schieramento politico libero di portare avanti queste battaglie senza compromessi al ribasso». 

Ore 12.30 - «Un "artista" di sinistra, educato e democratico, dice che gli Italiani sono un "popolo di ignoranti" se votano per Lega e destra. Gli rispondiamo con un sorriso, con lavoro e idee per far tornare grande l'Italia. Bacioni... che poi da Makkox a Maalox è un attimo". Lo scrive su Twitter il segretario della Lega, Matteo Salvini, commentando l'intervista dei giorni scorsi sulla la Repubblica del vignettista di Propaganda Live, l'Espresso e Il Foglio.

Ore 10.30 - La campagna elettorale in vista del voto del prossimo 25 settembre entra nel vivo, mentre si studia l'impatto che avrà sul nuovo parlamento la riforma del taglio dei parlamentari: diminuirà la rappresentanza o favorirà la trasparenza? E ancora: quanto è concreta la possibilità che una delle coalizioni in campo possa avere il numero sufficiente di seggi per modificare la Costituzione? Questi gli interrogativi al centro della puntata speciale di «Mezz'ora in più» in onda oggi alle 14.30 su Rai 3. Ospiti di Lucia Annunziata, il segretario di Azione Carlo Calenda; il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, l'ex direttore de La Repubblica Ezio Mauro; lo storico ed editorialista del Corriere della Sera Paolo Mieli; il giudice emerito della Corte Costituzionale Sabino Cassese; Salvatore Vassallo, direttore dell'Istituto di studi e ricerche Carlo Cattaneo.

Ore 10.00 - «Mentre loro parlano di alleanze, il mondo brucia. Dall'Ucraina a Taiwan, dalla striscia di Gaza all'estremismo che torna a crescere in Africa e Afghanistan lancio un appello: in questa campagna elettorale si parli anche di politica estera. È in gioco il futuro del pianeta #Serietà». Così Matteo Renzi su Twitter.

Ultimo aggiornamento: 8 Agosto, 10:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci