Allenatore basket pedofilo, il familiare di una vittima: «Lasciarlo ancora con i ragazzi come dare una pistola a un killer»

Il parente di uno dei minorenni molestati a Perugia da Paolo Traino: "C'era una sentenza, possibile che il club romano lo ignorasse"

Giovedì 9 Febbraio 2023 di Michele Milletti
Allenatore basket pedofilo, il familiare di una vittima: «Lasciarlo ancora con i ragazzi come dare una pistola a un killer»

PERUGIA - «Incredibile lo abbiano rimesso a lavorare con i ragazzini». Roberto (nome di copertura) è un familiare di uno dei ragazzi perugini che oltre dieci anni fa raccontarono gli abusi nei loro confronti da parte dell’allora coach Paolo Traino. Uno che fino all’esplosione del caso era una specie di guru del basket cittadino e regionale.


Cosa ha provato nel leggere di questa inchiesta?
«Incredulità e rabbia.

Perché, ripeto, è inconcepibile che una persona condannata e a cui il giudice aveva vietato di svolgere lavori che prevedevano contatti con i minori possa essere stata di nuovo messa a fianco di giovani. Ma come è possibile una cosa del genere? Resto basito».


Una ferita ancora aperta, insomma
«È inevitabile. Non si può dimenticare quanto avvenuto. Questi ragazzi sono andati avanti con le loro vite, in alcuni casi hanno continuato a giocare a basket, ma quell’uomo per loro era forse più che un allenatore. Un maestro. Uno che pretendeva molto in campo, ma poi fuori era sempre affabile con tutti. È stato un qualcosa di orribile. Ma quello che sta venendo fuori in queste ore forse lo è anche di più».


In che senso? 
«Nel senso che trovo inconcepibile come si sia lasciato che potesse fare del male ad altri ragazzini. Mi chiedo: ma la società romana che lo ha assunto possibile non sapesse nulla? A parte il fatto che stiamo parlando di un personaggio conosciuto e dunque la sua storia, specie nel mondo del basket, poteva essere nota a molti. Ma mettiamo anche che non lo sapessero: possibile che non prendi informazioni su chi stai per mettere sotto contratto in un ruolo così importante e delicato? C’è stata una sentenza, non voci di corridoio o parole a vanvera. Ci sono stati ragazzini che all’epoca raccontarono di essere stati molestati e anche minacciati che non avrebbero più giocato se dicevano qualcosa. Giovani vite soggiogate da questo individuo. Intendiamoci: non sono un giudice e anche in questo caso soltanto un tribunale potrà stabilire la verità. Ma a me, come a tante persone in queste ore, pare una mancanza assurda, una leggerezza inconcepibile».


In pratica, stando a quanto emerge dalle indagini, a Roma avrebbe utilizzato lo stesso schema di Perugia.
«Mi perdoni la brutalità, ma penso che sia stato come mettere un’arma nelle mani di un killer. È questo che mi lascia completamente esterrefatto. C’erano elementi così evidenti, se uno si fosse informato, che non sarebbero potuti rimanere sconosciuti. Sicuramente è stata compiuta almeno una grossa superficialità. Ma, ripeto e concludo, non puoi non conoscere la storia di una persona che non solo prendi a lavorare ma a cui affidi dei ragazzi».

 

Ultimo aggiornamento: 11 Febbraio, 08:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci