Giovedì 11 Luglio 2019, 11:49

L'investigatore che arrestò Covre: «Innocente? La perizia lo inchioda»

PER APPROFONDIRE: carcere, innocente, perizia, sante covre, treviso
L'investigatore che arrestò Sante Covre (in foto): «Innocente? La perizia lo inchioda»

di Valeria Lipparini

TREVISO - «Caro Sante Covre, ho appreso della tua scarcerazione. Noi siamo coetanei, tu 68 e io 69 anni, ed entrambi ne abbiamo trascorsi più di quaranta sottoposti ad una rigida disciplina militare. Io quella dell'Arma dei carabinieri, tu quella carceraria. Io, poco a poco, quello che sapevo e che ero stato costretto a tacere, l'ho raccontato nel corso delle mie testimonianze processuali e i particolari minuti, quelli li ho scritti in un centinaio di articoli pubblicati sul web. Tu reclami una sola verità della quale vuoi convincerci: non sei un assassino, ma invece vittima di un errore giudiziario commesso dai carabinieri e dalla Procura del tribunale».

Covre, la fine della pena oggi: «I miei 24 anni in carcere da innocente»


Il generale Nicolò Gebbia ha letto l'intervista rilasciata al Gazzettino da Sante Covre, l'ex muratore di Treviso condannato per l'omicidio dei
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'investigatore che arrestò Covre: «Innocente? La perizia lo inchioda»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti