Macellaio sparò al ladro, il pm: «Va assolto, non tentò di uccidere»

Walter Onichini
La procura generale ha chiesto il non doversi procedere nei confronti di Walter Onichini, il macellaio di Legnaro (Padova), ora residente nel Veneziano, che nel luglio 2013 aveva sparato, ferendolo, a Elson Ndreca, ladro albanese che si era introdotto in casa sua. La richiesta è arrivata nelle battute finali del processo d'appello contro Onichini, condannato a 4 anni e 11 mesi in primo grado, nel dicembre 2017.
 

Il sostituito procuratore generale contestando aspramente le motivazioni del tribunale di Padova, che bollavano Onichini come assassino, ha chiesto la riqualificazione del reato contestato da tentato omicidio in lesioni colpose per aver agito per eccesso colposo di legittima difesa putativa. Da qui il non doversi procedere per mancanza di querela da parte del ladro ferito. Assoluzione, invece, è stata chiesta per il reato di sequestro di persona contestato al macellaio per aver caricato in macchina il ladro e averlo scaricato in un campo. Per la procura generale di Venezia, Ndreca non è credibile.

«Sono molto soddisfatto di questa richiesta fatta dalla procura generale a proposito di Walter Onichini, siamo arrivati in Corte d'Appello con una sentenza di condanna per tentato omicidio e torniamo a casa con una richiesta di assoluzione, ora attendiamo la sentenza». Queste sono le parole dell'avvocato Ernesto De Toni, che difende il macellaio padovano. In aula c'era lo stesso Onichini, accompagnato da altri amici tra cui Franco Birolo, tabaccaio di Civè di Correzzola assolto per aver ucciso un ladro che era entrato di notte nella sua tabaccheria. «Siamo con Walter» ha detto Birolo. Onichini ha preferito non rilasciare commenti. 

LEGGI ANCHE
Il macellaio che sparò al ladro chiede subito l'assoluzione in Appello
Banditi in casa, lui spara: «Reazione spropositata, voleva colpirli»
«Non me l'aspettavo: l'Italia protegge i delinquenti»
Onichini condannato a risarcirlo, ma l'albanese è latitante
PROCESSO DI PRIMO GRADO Onichini condannato a 4 anni e 11 mesi


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 2 Aprile 2019, 12:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Macellaio sparò al ladro, il pm: «Va assolto, non tentò di uccidere»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 31 commenti presenti
2019-04-03 07:29:52
Prima di "cantar vittoria" aspettiamo la sentenza. Un PM NON fa primavera. Se il giudice la pensa diversamente gli da il massimo della pena. Senza contare i risarcimenti alla "vittima" italia
2019-04-03 00:04:29
Ladri maledetti dall est Europa e balcani ora sappiate che L albero della cuccagna è finita
2019-04-02 19:14:12
io mi chiedo perchè se la legge c'era i giudici alla fine decidevano come volevano.
2019-04-02 18:39:33
i criminali fanno quello che vogliono e poi chiedono pure i danni alle loro vittime. Se i parlamentari arrivano a partorire queste leggi e l'interpretazione sempre benevola dei giudici poi fa il resto, allora vuol dire che bisogna ribaltare il sistema legislativo e giudiziario. E chiedere i danni a chi in malafede ha voluto e continua a volere queste infamie.
2019-04-02 18:01:34
La legge sulla legittima difesa di salvini produce i suoi effetti ancora prima di essere applicata, che togo!