Venerdì 21 Dicembre 2018, 09:55

Osterie trevigiane a rischio di estinzione: «Giovani non vogliono imparare»

PER APPROFONDIRE: estinzione, osterie, treviso
Da Muscoli's Mauro e Fabio Tambarotto, eredi della mitica Bepa

di Paolo Calia e Valentina Dal Zilio

TREVISO - Ermes quasi sbuffa dietro al bancone: «Tra cinque anni vado in pensione. E trovare giovani che vogliono intraprendere questa professione è impossibile». Il problema è proprio questo: i locali più tipici della città, lo scrigno delle trevigianità, soffrono di una preoccupante e inarrestabile crisi di vocazioni.

LEGGI ANCHE Bar Alpini, ultime polpette per i clienti: lo storico locale chiude, nessuno vuole rilevare l'attività

Il mestiere dell'oste non attira più, le osterie vere stanno lentamente scomparendo. Ermes, che da trent'anni manda avanti praticamente da solo la piccola attività proprio davanti a Ca' Sugana, lo ammette senza troppi giri di parole: «Quando andrò in pensione non so chi prenderà questo locale, non so se rimarrà ancora così. Adesso è molto difficile trovare ragazzi che vogliano imparare questo mestiere. Si lavora mediamente dodici ore al giorno, sei giorni su sette, e non si diventa certo ricchi. E poi bisogna conoscere i prodotti, i vini, abbinamenti. Vendo vino da tanti anni e le cose da
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Osterie trevigiane a rischio di estinzione: «Giovani non vogliono imparare»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2018-12-21 20:42:22
Na volta.... adesso un bicchiere buono lo paghi 3 euro (minimo) e per un cicchetto lasci 1,50 € .... se stai ore in osteria ti mangi (e bevi) una fortuna
2018-12-21 13:54:06
Una volta l'osteria era luogo di ritrovo,lo posso dire io che ci sono nata. C'era un matrimonio? Un funerale? Un battesimo? Prima della cerimonia si andava all'osteria. L'oste sapeva tutto, era quasi un confessore (specialmente se i clienti avevano bavuto e si confidavano). E' un lavoro difficile, credetemi. La gente poi è cambiata, preferisce trovarsi al centro commerciale. Cosa dire? Peccato! Un'altra nostra tadizione che scompare.
2018-12-21 13:08:30
bisogna anche vedere, quando è ora di cedere l'osteria, il prezzo di vendita richiesto (realizzo)...perchè se la licenza del taxi rappresenta un " tfr ", quella dell'osteria non si ammortizza facilmente.
2018-12-22 17:17:09
bene, cosi' la gente si trovera' un modo più' intelligente per passare il tempo libero che non sia chiudersi per ore in un buco a ingurgitare vino
2018-12-21 19:00:33
Osterie trevigiane a rischio estizione? Mi ricordo 20 anni fa' quando noi veneziani andavamo a Treviso per una passeggiata in questa bella cittadina e ci fermavamo in qualche osteria per un'ombra e un cicchetto. Adesso le osterie sono scomparse sostituite da finte osterie e i cicchetti non ci sono più. Solo fettine di pane con qualcosa sopra. Addio Treviso.