Il Protocollo d'intesa per l'attivazione e l'attuazione del "Contratto di Foce

Il Protocollo d'intesa per l'attivazione e l'attuazione del "Contratto di Foce Delta del Po" finalizzato alla definizione di una strategia condivisa di sviluppo locale basata sulla gestione integrata e la valorizzazione delle risorse territoriali esistenti a partire dall'acqua e dalle problematiche connesse, al termine dell'assemblea effettuata al Museo regionale della Bonifica a Ca' Vendramin di Po, è stato sottoscritto da circa 60 soggetti istituzionali, associativi, portatori d'interesse e semplici cittadini ed altri lo faranno nei prossimi giorni.
Tra questi gli assessori regionali Maurizio Conte e Marialuisa Coppola, il consigliere Graziano Azzalin, nonchè i sindaci Siviero di Taglio di Po, Mauri di Ariano nel Polesine, Bellan di Porto Tolle, Giacon di Porto Viro, Vitale di Rosolina, Gasparini di Loreo, Domeneghetti come sindaco di Corbola e assessore Provincia di Rovigo ed Elena Segato assessore di Chioggia; inoltre hanno sottoscritto l'importante documento anche: Angelo Zanellato, presidente del Consvipo, Lauro Biolcati del Flai-Cgil, Silvio Barizzi, direttore della Coldiretti, Stefano Fracasso direttore del Gal Polesine Delta del Po, Marina Bertoncin dell'Università di Padova, Giuliano Zanellato presidente cooperativa pescatori Pila e per Federcoopesca, Gianni Camuffo presidente cooperativa pescatori di Rosolina e il commissario dell'Ente Parco regionale Veneto Delta del Po.
Il Protocollo d'intesa eserciterà i propri effetti fino alla sottoscrizione del contratto di foce per un tempo stimabile da 18 a 24 mesi. corrispondenti alla fase di attivazione, attuazione e monitoraggio per la verifica dell'attuazione delle azioni del «Programma d'azione» e per le eventuali modifiche ed integrazioni che si renderanno necessarie.
I lavori sono iniziati con il saluto del presidente del Consorzio di Bonifica delta Delta Po, Adriano Tugnolo il quale, orgogliosamente ha ricordato che il progetto del Contratto di Foce è del direttore Consorzio, ingegnere Giancarlo Mantovani il quale, insieme all'architetto Laura Mosca, ha costituito la segreteria tecnica. «Finita la prima parte del lavoro, prevista dalla fase 1 - ha spiegato Mantovani - è arrivato il momento di fare il resoconto dell'attività svolta. Ora ci resta che passare alle fasi successive ed arrivare alla conclusione che il nostro territorio non sia più gestito dall'alto ma dal basso». L'architetto Mosca dopo essersi soffermata sui canali di finanziamento statali e regionali si ha evidenziato sia i punti di debolezza che di forza del territorio.

Venerdì 17 Aprile 2015, 05:51






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Protocollo d'intesa per l'attivazione e l'attuazione del "Contratto di Foce
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER